Presto in Francia, l’Apple Vision Pro sconvolgerà il mondo dei libri?

Presto in Francia, l’Apple Vision Pro sconvolgerà il mondo dei libri?
Presto in Francia, l’Apple Vision Pro sconvolgerà il mondo dei libri?
-

Lanciato negli Stati Uniti nel giugno 2023 e commercializzato oltreoceano dal febbraio 2024, l’Apple Vision Pro, il visore di realtà mista (aumentata e virtuale) del marchio Apple, arriva in Francia all’inizio dell’estate. Il prodotto sarà disponibile dal 12 luglio e preordinabile dal 28 giugno. Venduto a partire da 3.999 euro, viene presentato da Apple come “ un rivoluzionario computer spaziale “. Al punto da rivoluzionare anche il nostro modo di leggere? Non così sicuro.

Davanti ai nostri occhi, come sospese, appaiono, statiche, le pagine digitali dei libri che scorriamo su uno schermo virtuale. Dotato di un’uscita audio “avanzata”, questo auricolare permette anche di ascoltare libri. Ma per il momento nessuna applicazione dedicata ai libri. È necessario utilizzare l’applicazione Apple Books per iPad sul Vision Pro per leggere o ascoltare un libro.

Un’esperienza di lettura non necessariamente conclusiva

Secondo il feedback dei consumatori americani, l’esperienza di lettura non è necessariamente conclusiva. L’auricolare non compete con l’e-book e nemmeno con il libro fisico. Anche per quanto riguarda l’esperienza audio, per il momento non è molto apprezzata. “ Il visore per la realtà virtuale porta immagini. Tuttavia, le persone che scelgono gli audiolibri ci dicono che è per allontanarsi dagli schermi. Scelgono di ascoltare e di non vedere nulla. Non siamo un’industria che guarda “, sollevato Michele Cobbdirettore dell’American Association of Audio Publishers.

Prima di Apple, Meta Platforms (Facebook) ha lanciato il suo visore per realtà virtuale, Meta Quest, inizialmente commercializzato con il nome Oculus. In occasione del Festival Internazionale del Comics (FIBD), nel 2022, la piattaforma Izneo ha lanciato un’applicazione mobile di lettura della realtà virtuale compatibile con il visore Meta Quest 2. All’interno del festival è stato allestito uno stand per testare l’immersione virtuale nelle pagine di a un fumetto, un manga, un fumetto o un webtoon. “ Questa applicazione ti permette di avere una visione molto ravvicinata di un fumetto. Ci troviamo come un piccolo personaggio davanti ad un enorme disegno. Abbiamo notato un’attrazione, una curiosità da parte del pubblico. In termini di comunicazione, questo esperimento ha funzionato “, si riferisce Luca Bourcier, ex direttore generale di Iznéo. Ma a livello commerciale, l’applicazione non ha avuto molto successo, nonostante ciò premia questo attuale consulente indipendente per fumetti digitali e webtoons.

Nuovi metodi di lettura devono ancora essere inventati, adattati al digitale »

La ragione ? “ Con un visore per realtà virtuale o aumentata, le persone cercano un’esperienza più forte. Ma la lettura è spesso un gradino sotto », Stima Luc Bourcier. Secondo l’esperto le applicazioni della lettura digitale non sono ancora sufficientemente risolutive. “ Non è così facile navigare in una pagina con un visore per realtà virtuale. Oggi leggere un romanzo, un saggio o un fumetto su supporto digitale è ancora giudicato meno buono rispetto a quello cartaceo », aggiunge, stimando che « resta da inventare nuove modalità di lettura, adatte alla tecnologia digitale, che siano piacevoli per l’utente. Ma allo stato attuale dei metodi di lettura digitale, è difficile che abbia successo presso il grande pubblico.. »

Anche a Stock abbiamo testato la realtà virtuale. Principalmente per scopi di comunicazione. La casa editrice del gruppo Hachette aveva dato appuntamento ai librai del metaverso per presentare la sua stagione letteraria 2023 Ma niente di rivoluzionario agli occhi di Manuel Carcassonne, il Direttore Generale. “ Questa esperienza è stata piacevole ma, a parte l’ambiente virtuale, ho parlato al microfono, il che non è una novità », ricorda il redattore. Secondo lui l’interesse dei visori per la realtà virtuale o aumentata per il mondo dei libri resta da dimostrare. “ Se ci permettono di leggere di più, di presentare i nostri libri, di farli vivere in modo diverso, questo ovviamente mi interessa. Ma deve funzionare in relazione ai nostri ambienti. Oggi, all’interno delle case editrici, non abbiamo le competenze né i mezzi per sviluppare questo tipo di strumenti. “, Aggiunge.

Usi specifici

Per il momento, lo sviluppo di applicazioni e visori di realtà virtuale e aumentata, applicati al mondo della lettura, appare ancora confinato a usi ben precisi: operazioni di comunicazione, o di arricchimento della lettura. È il caso, ad esempio, di Ludenco libri, una piattaforma che permette agli editori di arricchire i propri libri di testo scolastici con la realtà aumentata. Nel campo della formazione, questo tipo di prodotto appare promettente. “ In futuro possiamo immaginare che leggendo un libro di medicina con gli occhiali per la realtà aumentata, nel capitolo di anatomia gli organi appariranno in tre dimensioni “, già anticipare Morgana Soulierconsulente e relatore specializzato in tematiche digitali.

L’auricolare aiuta anche il lettore a concentrarsi. “ Possiamo immaginare che le biblioteche si dotino di auricolari per consentire ai lettori di isolarsi dal mondo esterno », suggerisce Luc Bourcier. Oppure consentire un ingrandimento molto elevato dei testi.

Nuove possibilità per l’industria del libro

Se non rivoluzioneranno il modo in cui leggiamo, i visori per la realtà virtuale e aumentata dovrebbero quindi aprire alcune possibilità per l’industria del libro. “ Potremmo immaginare elementi interattivi sui libri digitali, ad esempio con una scena del libro incorporata. O anche una traduzione istantanea come un’audioguida. Questi prodotti permettono nuove forme di narrazione, più arricchite da testi, immagini, video, audio », Aggiunge Morgane Soulier.

Tuttavia, le possibilità che si aprono con gli strumenti di realtà virtuale e aumentata sono viste con grande interesse da parte di coloro che sono coinvolti nel libro. “ La realtà virtuale potrebbe anche permettere di sviluppare club di lettura, o incontri d’autore, con partecipanti provenienti dai quattro angoli del mondo che si incontrano nel metaverso “, aggiunge l’oratore.Possiamo immaginare che la lettura su e-reader o tablet sarà sempre più arricchita con contenuti video e animazioni.continua. Per l’industria del libro questo è positivo perché permetterà di coinvolgere più persone nell’attività letteraria, o di migliorare funzionalità degli e-reader, come la possibilità di avere la traduzione istantanea di una parola. »

L’arrivo dell’Apple Vision Pro in Francia, se riuscirà a fare meglio dei suoi predecessori, potrebbe fornire un acceleratore alle innovazioni in questo settore.

-

NEXT Mercoledì andrà in gita per leggere a Bertranges