ci vediamo a giugno per il festival giovanile Livres en Scène

ci vediamo a giugno per il festival giovanile Livres en Scène
ci vediamo a giugno per il festival giovanile Livres en Scène
-

Il programma comprende letture cantate, concerti di disegno, racconti, affreschi e spettacoli partecipativi, presentando libri in modo creativo e coinvolgente.

Tra i partecipanti troviamo artisti e autori come Yves Cotten, Victor Hussenot e Ronan Mancec della Compagnie La mort est dans la Boîte, oltre ad Anne-Laure Bondoux e Sean Seago. Ad arricchire il festival con le loro esibizioni saranno anche il duo Marie Bobin e François Gaillard, la Compagnie Les bruits sonnants con Stéphane Nicolet e Étienne Roux, Clémence Sabbagh e il duo Kalmedaz composto da Maria Diaz e Jack de Almeida.

Tra i punti salienti, Yves Cotten, autore e illustratore per ragazzi, condurrà un laboratorio di disegno. Conosciuto per le sue opere che affascinano i bambini con storie ricche di avventure e scoperte, condividerà la sua esperienza raccontando e illustrando storie accattivanti.

Marie Bobin e François Gaillard offrirà una sessione intitolata Traccia il percorso, dove presenteranno racconti illustrati che esplorano viaggi mentali e fisici attraverso paesaggi sontuosi e narrazioni toccanti.

Vittorio Hussenotdestinatario del Premio Educazione Nazionale per l’affresco partecipativo, invita i partecipanti ad approfondire il tema Il tempo, Malinconia. Questa sessione si concentrerà sull’espressione creativa attraverso disegni e storie che riflettono gli stati d’animo personali.

Il festival si caratterizza anche per le sue interazioni musicali, in particolare con l’esibizione della Compagnia La parola è nella scatola, che si terrà il 29 giugno a La Pluie d’Étoiles, Pont-Croix. Questa sessione sarà caratterizzata da letture cantate di Road Stars e Kingdoms, promettendo un’esperienza coinvolgente e memorabile.

Clemence Sabbagh salirà sul palco con La grande corsa di Giovanni, una serie di letture umoristiche basate sulle storie accattivanti di personaggi di nome Jean, che esplorano le sfumature della loro vita quotidiana attraverso storie piene di risate e riflessioni.

Questo festival è un appuntamento imperdibile per chiunque desideri entrare in contatto con la letteratura in modo innovativo e interattivo, offrendo prospettive arricchenti sulla narrazione, l’illustrazione e la musica, celebrando al contempo la gioia della lettura. Qua il programma completo.

Crediti fotografici: Livres en scène

-

NEXT Creysse. “La possibilità del peggio…”: un libro di Laurent Wirth