Michael McDowell, Daniel Chavarria, Kate Summerscale

-
>>

“Katie”, di Michael McDowell, traduzione dall’inglese (Stati Uniti) di Jean Szlamowicz, edizione speciale, Monsieur Toussaint Louverture, 460 pag., € 12,90.

“Adios muchachos”, di Daniel Chavarria, traduzione dallo spagnolo (Cuba) di Jacques-François Bonaldi, Rivages, “Noir”, 190 p., € 8,20.

“L’affare Road Hill House.” L’assassinio del piccolo Saville Kent” (I sospetti di Mr Whicher o L’omicidio di Road Hill House), di Kate Summerscale, tradotto dall’inglese (Regno Unito) da Eric Chédaille, ed. Christian Bourgois, “Satelliti”, 570 pag., € 12,90.

“Diventerò un cane da caccia e seguirli fino alla loro tana. Li vedrò impiccati e quella notte dormirò ai piedi del patibolo. L’odore dei loro cadaveri in decomposizione mi sarà dolce. » Così profetizza, ritta sui suoi artigli affilati, forte di un odio viscerale, la giovane Philomena Drax, cuore pulsante di Katie dello scrittore e sceneggiatore (Succo di scarafaggiodi Tim Burton, 1988) Michael McDowell (1950-1999), melodramma romantico e storia della ferocia di una gentile giovane donna americana degli anni ’70 dell’Ottocento.

Mentre, laboriosa e senza un soldo, si prepara a ereditare da suo nonno“Filo” vede la sua eredità e la sua famiglia portata via dagli Slapes, un trio superlativo di assassini e truffatori la cui figlia sensitiva, Katie, si diletta nell’omicidio con un martello. Condannata alla sfortuna e al vagabondaggio, ma sostenuta dalla filantropica famiglia Maitland, Miss Drax si lancia quindi in una caccia disperata ai persecutori ispirandosi ai “Bloody Benders”, autentici Cattivi Americano del 19° secolo (“cattivi”)e secolo.

Omaggio al romanzo seriale romantico, irto di “minuti omicidi” secchi e improvvisi, il testo ci viene offerto da Monsieur Toussaint Louverture, come i precedenti titoli della “McDowell Library”, in una deliziosa ambientazione grafica luminosa, tra il barocco tabernacolo e la scatola di dolciumi avvelenati. Vai all’inferno! Osate McDowell!

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati “Blackwater”, di Michael McDowell: il piacere ritrovato del romanzo seriale

Aggiungi alle tue selezioni

Inaugurato da un duro eccezionale, Edward Bunker, e un asso della narrativa noir a ruota libera, Marc Behm, la serie “Iconiques” di Rivages propone, tra i mille titoli da lui pubblicati, le piante più carnivore del giardino segreto di François Guérif, l’editore di Rivages “Noir”. collezione. Ultima tappa proposta da questo grande petroliere editoriale: Cuba. Cuba nel mirino dello scrittore uruguaiano Daniel Chavarria (1933-2018), ex guerrigliero castrista e dirottatore di aerei, insomma una Cuba molto, molto “libera”. Serve da faro per Alicia, che, vendendo il suo fascino, in bicicletta e in pantaloncini, sotto l’occhio vigile della madre, ne fa una professione. Un’attività redditizia che la porta a incontrare Juanito, veterano della truffa e virtuoso rubacuori, con il quale forma rapidamente un tandem di delinquenti molto operativo. Le azioni di questo duo ci vengono raccontate in grandi sequenze di capitoli brevi e feroci, dove coiti e trucchi contorti, mascherate e inganni si susseguono, intervallati da archivi sconvolgenti ed esilaranti.

Ti resta il 20,82% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

NEXT Creysse. “La possibilità del peggio…”: un libro di Laurent Wirth