Si prevede che l’Eras ​​Tour porterà un miliardo di sterline all’economia britannica

Si prevede che l’Eras ​​Tour porterà un miliardo di sterline all’economia britannica
Si prevede che l’Eras ​​Tour porterà un miliardo di sterline all’economia britannica
-

Chiaramente, la superstar americana Taylor Swift non smette mai di battere record… e alcuni non sono quello che immaginiamo: uno studio della banca Barclays pubblicato mercoledì 15 maggio 2024 rivela che “The Eras Tour”, il tour mondiale di Tay-Tay dovrebbe generare quasi un miliardo di sterline per l’economia britannica!

Come si spiega un dato del genere? Dall’entusiasmo degli “Swifties” britannici – sono 1,2 milioni – che applaudiranno la regina del pop durante una delle sue 15 date nel Regno Unito (tra giugno e agosto).

Quasi mille euro per “British Swiftie”

Ognuno di loro dovrà spendere, in media, 848 sterline (988 euro) tra biglietti, viaggio, alloggio, abiti, pasti e altro. Il loro investimento personale rappresenta più di 12 volte il costo di una normale gita!

Ricordiamo che una settimana fa Taylor Swift ha iniziato un vasto tour attraverso l’Europa, in Francia, dove riempirà uno stadio dopo l’altro. Dovrà poi verificarsi in Svezia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Irlanda, Paesi Bassi, Svizzera, Italia, Germania, Polonia e Austria… ogni volta con un impatto notevole previsto sull’economia locale.

Tifosi pronti a qualsiasi spesa

La vendita dei biglietti per “The Eras Tour” a luglio ha comportato un aumento del 15,8% su base annua della spesa per l’intrattenimento nel Regno Unito. Il prezzo medio per un biglietto è di £ 206, ma molti Swifties hanno pagato molto di più per biglietti meglio piazzati. A Parigi, ad esempio, alcuni biglietti VIP sono stati venduti fino a 1.500 euro.

A portata di tunnel (sotto la Manica)

Lo studio Barclays rileva però che un fan britannico su cinque della cantante bionda, nota per i testi in cui racconta i suoi amori e le sue pene, ha scelto di andare ad ammirare il proprio idolo nell’Europa continentale. Sperano di beneficiare di una migliore disponibilità di biglietti, di costi di viaggio e alloggio più economici o di combinare vacanza e concerto.

Il nostro file “Taylor Swift”.

Peter Brooks, esperto di comportamento dei consumatori presso Barclays, osserva che “per gli idoli come Taylor Swift, i follower hanno un tale legame con l’artista che il desiderio di spendere diventa ancora più potente. Per i non fan, 848 sterline possono sembrare tante da spendere per un concerto, ma chi ha acquistato i biglietti sta investendo nei propri ricordi futuri”.

-

PREV Sopravvivere all’inferno familiare, il toccante libro di Cristina
NEXT Laurent Gaudé, dal coro all’opera – Libération