“…dovremo abbracciarci…” Affiang Ante

“…dovremo abbracciarci…” Affiang Ante
“…dovremo abbracciarci…” Affiang Ante
-

predazione sessuale “ordinaria”.


“Dovremo coccolarci.”

Tre giovani donne che non si sono mai incontrate raccontano la storia del loro ingresso nell’età adulta.
Tutti e tre sognano il vero amore, uno di loro desidera addirittura “perdere la verginità” in seguito all’incontro della sua vita.
Purtroppo tra sogno e realtà c’è una distanza enorme.
Se le donne hanno conquistato, sulla carta, la libertà sessuale e la libera scelta del proprio partner, vivono come gli uomini altrove, in una società dove tutto è possibile perché regna il silenzio.
Una di loro va a lavorare in una discoteca per pagarsi la stanza e soprattutto per prendersi cura della madre, che è gravemente malata e resta indietro.
Deve anche provvedere ai bisogni dei suoi fratelli.
Così è la vita.
Gli immigrati che vengono qui, in Francia, per cercare El Dorado hanno una storia e poche scelte per sopravvivere.
Il secondo classificato si sta allenando per diventare un campione, selezionato per competere per una medaglia alle Olimpiadi.
Deve allenarsi duramente e si imbatte in un allenatore, molto più grande di lei, che con dolcezza e attenzione è pronto ad aiutarla a salire sul podio.
Quello che non sa è che c’è un prezzo da pagare!
Non tutti i predatori sessuali sono grossi bruti, alcuni hanno volti di angeli e sono pieni di lodevoli attenzioni.
Il terzo ha la possibilità di ottenere una posizione di comunicazione nel turismo di fascia alta.
Lei è in paradiso.
Non sa che se un posto è caro, a volte per mantenerlo e andare avanti bisogna accettare tutto e anche l’inimmaginabile e l’indicibile!
L’autore di questo romanzo è di Bellifontaine.
Molto motivata dalle sue osservazioni, dalla sua esperienza professionale e influenzata dal movimento #balancetonporc# e #metoo”, ci offre questo romanzo polifonico.
Gli osservatori ritengono che questi movimenti si spingano troppo oltre, ma cosa accadrebbe se continuassimo a rimanere in silenzio?
La storia di questa sportiva ci ricorda quella che ha fatto notizia!
Accanto agli abominevoli stupri, ci sono le aggressioni sessuali da parte di persone che sfruttano la loro posizione gerarchica per aggredire giovani donne, non solo per sedurle – fortunatamente la seduzione non è un reato – ma per costringerle a donare il proprio corpo.
Questo romanzo si legge tutto d’un fiato e cattura e convince molto rapidamente il lettore.

Jean-François Chalot

-

PREV Clara Ysé, scavando nei silenzi
NEXT Leggiamo “Tuo fratello” di Minh Tran Huy