Questa truffa online può far vincere grandi somme ai truffatori

Questa truffa online può far vincere grandi somme ai truffatori
Questa truffa online può far vincere grandi somme ai truffatori
-

Vuoi vincere alla grande pubblicando un libro navigando tra le notizie, scritto con l’aiuto di ChatGPT? Amazon è l’editore ideale per gli autori che utilizzano l’intelligenza artificiale (AI), ma attenti alle delusioni per gli acquirenti. Questo tipo di testi di dubbia qualità è stato messo in luce da una biografia di Léon Gautier, un francese che aveva partecipato allo sbarco del 6 giugno 1944. Pubblicata due giorni dopo la sua morte, nel luglio 2023, non solo era scritta male ma “piena di di errori” secondo la sua famiglia.

Chiunque può vendere il proprio libro su Kindle Direct Publishing (KDP), la piattaforma di autopubblicazione di Amazon. Il controllo è debole. E i profitti potenzialmente elevati: gli autori ricevono il 70% del prezzo di vendita della versione elettronica. Se si digita su Amazon “Paul Auster”, scrittore morto la sera del 30 aprile, compaiono diverse biografie in inglese pubblicate il giorno dopo la sua morte. Sono lunghi da 30 a 110 pagine.

Ecco le truffe online a cui diffidare in questo momento

Le invenzioni contenute nella biografia di Léon Gautier, un libro firmato da una donna sconosciuta, “Grace Shaw”, provengono molto probabilmente dalla creatività di ChatGPT. Quando è costretto a scrivere lunghi testi su argomenti specialistici, il famoso software OpenAI non ha scelta: estrapola e cade nella finzione.

“Scenario stereotipato”

ChatGPT può aiutare a generare sequenze temporali dettagliate della vita di un personaggio, suggerire eventi memorabili che potrebbero aver influenzato il suo sviluppo e fornire ambientazioni e sfondi che danno profondità e coerenza alla sua storia”, si legge in “How to Write Books Using ChatGPT”, un manuale di Martin Arellano.

Questo stesso lavoro, pubblicato su KDP nel 2023, sembra essere scritto con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. Amazon lo ha tolto dalla vendita. E non troviamo dettagli sulla biografia di questo autore molto prolisso, con una mezza dozzina di titoli nell’ultimo anno.

Ci sono molti tutorial che promettono di arricchirsi pubblicando tali libri. Impariamo a chiedere a ChatGPT uno scenario stereotipato, poi pezzi di libro da incollare uno dietro l’altro che mancheranno anche di originalità”, spiega all’AFP Alexandre Gefen, direttore della ricerca del CNRS. “La narrativa per bambini corrisponde bene a ciò che sa fare ChatGPT, ovvero morale, molto positiva, che produce testi brevi. Ma siamo molto lontani dall’inventiva necessaria per creare il nuovo Harry Potter”, aggiunge l’autore di “Living with ChatGPT”. Il colosso americano del commercio online, la cui libreria è stata il primo mercato nel 1995, afferma che si sta attivando contro questo fenomeno delle opere scritte in fretta.

Biografie a 50 centesimi

L’anno scorso abbiamo iniziato a chiedere a tutti gli editori che utilizzano il nostro servizio Kindle Direct Publishing di indicare se i loro contenuti sono generati utilizzando l’intelligenza artificiale e abbiamo ulteriormente ridotto il numero totale di titoli che potevano essere pubblicati ogni giorno”, ha risposto all’AFP un portavoce di Amazon Francia.

Questo limite, tuttavia, sembra ridicolo agli editori, come ha suggerito a metà aprile il capo della loro organizzazione professionale, Vincent Montagne. “Se ricordo bene, Amazon ha addirittura detto: “Vieto a un autore di pubblicare più di tre libri al giorno”, il che è comunque incredibile”, ha dichiarato su France Culture.

Seconda mano: attenzione alle truffe tramite “falsi acquirenti”

Software come ChatGPT “riprodotto” Credeva solo in ciò che osservava. Il presidente dell’Unione nazionale dell’editoria si è quindi detto più preoccupato per la mancata remunerazione dei veri autori i cui testi guidano le macchine OpenAI, che per la concorrenza dei falsi autori.

Alcuni rispettano l’obbligo di menzionare che “questo libro è stato generato dall’intelligenza artificiale”, una parte trascurabile dell’offerta complessiva e che probabilmente non rispecchia la realtà del volume scritto principalmente da ChatGPT. Amazon indica di aver cercato nei generi in cui ChatGPT regna sovrano, come i riassunti di romanzi caduti di dominio pubblico o “cartelle di lavoro basate su titoli esistenti”.

Secondo Alexandre Gefen, in letteratura, “non è un fenomeno massiccio e preoccupante. Al momento ChatGPT non è in grado di organizzare una narrazione complessa che possa raccogliere molte recensioni positive”. Ma questa modalità di scrittura”funziona bene per alcuni segmenti specifici, come una biografia da 50 centesimi”.

-

PREV “Con “L’Arte della Gioia”, Goliarda Sapienza è stata all’avanguardia” – Libération
NEXT Auterivo. Un sorriso ai libri di Jérôme Sandra