Una 34esima edizione di successo per il Printemps du Livre de Montaigu

Una 34esima edizione di successo per il Printemps du Livre de Montaigu
Una 34esima edizione di successo per il Printemps du Livre de Montaigu
-

Il Printemps du Livre de Montaigu ha appena chiuso i battenti della sua 34a edizione e conferma la sua posizione di luogo d’incontro letterario emblematico nei Paesi della Loira. Il 19, 20 e 21 aprile ancora più visitatori che nel 2023 sono accorsi per incontrare gli autori per autografi e momenti di scambi amichevoli. A testimonianza di ciò, le vendite delle librerie partner hanno registrato un +24% di fatturato solo nelle giornate di venerdì e sabato. Erano presenti più di 250 autori e 24 espositori.

“Anche quest’anno il Printemps du Livre si è distinto per la qualità della sua programmazione e siamo molto felici di constatare che il pubblico ha risposto ancora una volta. È stato anche un onore dare il benvenuto ad Agnès Martin-Lugand come presidente di questa edizione. La sua scrittura, letteraria e accessibile a tutti, i suoi racconti che toccano i lettori e la sua disponibilità rispecchiano pienamente lo spirito del festival che unisce letteratura, festa e convivialità. » spiega Antoine Chéreau, presidente di Terres de Montaigu.

Ancora una volta in corso, questa edizione è stata segnatamente contrassegnata da a bel aumento delle vendite per le librerie partner, in particolare il venerdì che diventa un’intera giornata di mostra aperta ai visitatori fino alle 20.00.

Scambi letterari ricchi e di qualità

Sotto l’egida della sua presidente onoraria, Agnès Martin-Lugand, il Printemps du Livre ha avviato numerosi dialoghi letterari, nell’ambito di grandi incontri o tappe letterarie. La qualità degli interventi, l’autenticità e la disponibilità degli autori hanno contraddistinto questi momenti di scambio.

Tra i momenti più apprezzati dal pubblico, l’attesissimo incontro con Franck Thilliez, venuto a presentare in anteprima il suo ultimo lavoro, le interviste a Douglas Kennedy, Philippe Besson e Mahir Guven, Premio Ovest 2024 con il suo libro “Niente di personale” presso JC-Lattès, hanno registrato il tutto esaurito.

Successo degli acquisti

Essendo grandi favoriti, gli acquisti sono stati ancora una volta un grande successo e alcune code sono rimaste piene per tutto il fine settimana. Negli stand di Agnès Martin-Lugand, Baptiste Beaulieu, Julia Kerninon, Laure Manel, Marie Vareil e Franck Thilliez, i lettori non hanno esitato ad aspettare per scambiare qualche parola con i loro autori preferiti. Particolarmente apprezzati dai visitatori sono stati anche gli spazi dedicati al fumetto e alla letteratura per l’infanzia.

Un’esperienza di visita sempre più qualitativa

Per liberare i corridoi del tendone della Place de l’Hôtel-de-Ville e offrire nuovo respiro ai visitatori, la presenza del festival è stata rafforzata al Parco Henri-Joyau. Questo spazio, che ha permesso alla città di immergersi ancora più ampiamente nell’atmosfera dello spettacolo, ha riscosso un grande successo. La nuova tensostruttura ha ospitato in particolare incontri letterari e spettacoli pubblici. Sono stati offerti anche nuovi formati di animazione più partecipativi, come il laboratorio di scrittura di Karine Reysset,

Contestualmente è stata rielaborata la configurazione della tensostruttura per far posto ad ampi corridoi ed è stato creato un nuovo ingresso in corrispondenza dell’area fumetti.

Partner fidati

“Naturalmente questo evento non potrebbe aver luogo senza i partner che hanno fiducia in esso e lo sostengono da molti anni. Il Consiglio dipartimentale della Vandea, il Crédit Mutuel e l’Ouest France, presenti fin dall’inizio, la Regione Paesi della Loira e la Direzione regionale degli affari culturali, ma anche i librai e le case editrici, che hanno espresso la loro gioia di ritrovare gli autori e i pubblico, sottolinea Antoine Chéreau. A loro vogliamo ringraziare di cuore, così come tutti i volontari, ancora più numerosi rispetto agli anni precedenti, che hanno lavorato duramente in questi 3 giorni e senza i quali non esisterebbe nulla. »

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire