La cronaca di Pierre Vermeren. Il francese e la lettura, maledetto signor presidente…

La cronaca di Pierre Vermeren. Il francese e la lettura, maledetto signor presidente…
La cronaca di Pierre Vermeren. Il francese e la lettura, maledetto signor presidente…
-

Il libro ha vissuto il suo periodo d’oro tra i giovani in Francia dagli anni ’60 alla fine del XX secolo.e secolo. Prima di allora, la scuola non era democratica (1% dei diplomati nel 1945) e la lettura restava una pratica al vertice della scala sociale. Al contrario, nel 21° secoloe Nel secolo scorso la scuola è stata generalizzata, ma il libro è preso in ostaggio dall’elettronica.

Dall’avvento dei cellulari e di Internet, il tempo dedicato alla lettura dei francesi si è più che dimezzato, colpendo…

Il libro ha vissuto il suo periodo d’oro tra i giovani in Francia dagli anni ’60 alla fine del XX secolo.e secolo. Prima di allora, la scuola non era democratica (1% dei diplomati nel 1945) e la lettura restava una pratica al vertice della scala sociale. Al contrario, nel 21° secoloe Nel secolo scorso la scuola è stata generalizzata, ma il libro è preso in ostaggio dall’elettronica.

Dall’avvento dei cellulari e di Internet, il tempo di lettura dei francesi si è più che dimezzato, colpendo soprattutto i giovani lettori: oggi i giovani trascorrono dieci volte più tempo davanti allo schermo che davanti a un libro; e quando leggono, l’attività sullo schermo non si ferma per la metà di loro (indagine del Centro Nazionale del Libro del 9 aprile 2024). Tra i 16 e i 19 anni, un ragazzo legge in media 7 minuti al giorno (rispetto a 5,12 ore davanti allo schermo) e una ragazza 17 minuti (rispetto a 5,9 ore). Inoltre, la maggior parte di questi libri sono manga e fumetti…

I primi studi sulla lettura risalgono agli anni ’60 in Francia. Il loro pioniere, Jean Hassenforder, sottolineò la forte prevalenza dell’estrazione sociale sulla lettura, con il tasso di lettura più elevato nelle scuole superiori generali e con i giovani tra i principali lettori. Successivamente, l’estensione dell’istruzione secondaria ha portato nel 1990 il numero di lettori al 71% di uomini e al 76% di donne! Queste cifre si sono invertite all’inizio del XX secoloe secolo: nel 2020, un uomo su due non legge più libri durante l’anno, rispetto a meno di una donna su tre. Nel frattempo, i lettori dominanti sono diventati quelli di età compresa tra i 35 e i 74 anni. La crisi della lettura tra i giovani è quindi indiscutibile rispetto alla sua epoca d’oro.

La maggior parte degli abitanti del pianeta non leggono e trascorrono la vita sotto dittature che li esentano dall’azione collettiva.

Possiamo vivere senza leggere? Certamente. La maggior parte degli abitanti del pianeta non leggono e trascorrono la vita sotto dittature che li esentano dall’azione collettiva. Il forte particolarismo culturale del nostro Paese è il rapporto dei francesi con la loro letteratura e la loro lingua. Non solo la Rivoluzione inaugurò il secolo brillante del romanzo, ma fu perché erano lettori che i francesi entrarono in questo vortice. L’esplosione della stampa ne è testimonianza: la Francia era nel 19°e secolo il più grande lettore di giornali del mondo.

Non c’è democrazia né scienza senza lettura, non c’è intelligenza collettiva senza letteratura, non c’è libertà pubblica senza una stampa nutrita da un piccolo popolo di scrittori e giornalisti, sotto lo sguardo di pochi geni. Se la lettura si fosse diffusa nel XVII secoloe e XVIIIe secoli, per iniziativa di uomini di Chiesa, la Repubblica ha reso accessibili al maggior numero possibile gli autori che hanno forgiato il nostro genio letterario. Victor Hugo, la scuola e la Repubblica francese sono indivisibili.

L’attuale calo della lettura ha spinto il Presidente della Repubblica a proporre di generalizzare ciò che fanno alcuni insegnanti, leggere – o far leggere? – ogni giorno a tutte le classi dalle pagine della nostra letteratura. I giovani ricevono 1.000 ore in meno di lezioni di francese durante il loro percorso scolastico rispetto alla nostra generazione (cioè 100 ore all’anno di grammatica, ortografia, letteratura, ecc.).

Ciò indebolisce il loro rapporto con la lingua, prepara la loro sottomissione alle immagini e blocca l’accesso ai libri per i giovani che non sentono il francese a casa. Ma la scuola continua ad occuparli trenta ore settimanali! Al ritmo di mezz’ora di lettura collettiva al giorno, l’azienda ha i mezzi per far conoscere loro qualche decina di libri e recuperare così le 100 ore perse ogni anno. Così che il compito della lettura diventi una gioia e un’aspettativa per i più.

Alcuni paesi praticano la ginnastica mattutina collettiva. Altre canzoni patriottiche. Sarebbe bello che i giovani francesi ascoltassero i nostri scrittori eccezionali. Senza semplificazioni o concessioni, perché il tempo ha filtrato i lavori della mente.

Rubrica successiva, quella di Belinda Cannone.

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire