Da “Blackwater” a “Katie”, libri dalle copertine affascinanti

Da “Blackwater” a “Katie”, libri dalle copertine affascinanti
Da “Blackwater” a “Katie”, libri dalle copertine affascinanti
-

Con la loro apparenza di grimori tascabili, luminosi e in rilievo, le copertine emblematiche della fortunata saga letteraria “Blackwater” racchiudono il lavoro magistrale di una casa editrice indipendente vicino a Bordeaux, che simboleggia la mania per i libri-oggetto.

Per riuscire a pubblicare postumi i sei volumi del best-seller “Blackwater” di Michael McDowell (1950-1999), al ritmo di un libro ogni due settimane nella primavera del 2022, Dominique Bordes, patron della casa editrice Monsieur Toussaint Louverture voleva “creare qualcosa di unico”.

“Affinché i lettori possano acquistare sei volte, dobbiamo fornire una giustificazione in termini di prezzo, copertura e frequenza”, afferma.

Un dipendente, incaricato della stampa a caldo, lavora alla copertina del romanzo “Katie” dell’autore americano Michael McDowell, pubblicato da Monsieur Toussaint Louverture, l’8 marzo 2024 in una tipografia a Bègles, vicino a Bordeaux / Philippe LOPEZ /AFP

Così per la pubblicazione venerdì di “Katie”, un altro romanzo dell’autore americano – noto per aver scritto la sceneggiatura del film “Beetlejuice” di Tim Burton – la piccola casa editrice girondese ha utilizzato una ricetta identica: elementi visivi e gioco di dorature sulla copertina in rilievo che lo rendono immediatamente riconoscibile.

“Crea un’identità globale, differenziandosi. Non abbiamo mai visto una cosa del genere per i tascabili”, confida Marie Stonestreet, responsabile della sezione libri tascabili/adolescenti/fantascienza della grande libreria bordolese Mollat.

“Portacandele”

Dominique Bordes ha cercato innanzitutto un illustratore capace di “realizzare copertine di libri come custodie per carte da gioco, mazzi”. “C’era solo Pedro (Oyarbide) che si abbinava al lato dorato, sofisticato, ma anche rock and roll, bling-bling, tatuaggi”, precisa l’editore quarantenne.

Un dipendente, incaricato della stampa a caldo, lavora alla copertina del romanzo “Katie” dell’autore americano Michael McDowell, pubblicato da Monsieur Toussaint Louverture, l’8 marzo 2024 in una tipografia a Bègles, vicino a Bordeaux / Philippe LOPEZ /AFP

“Dominique mi ha dato molta libertà di interpretare + Blackwater + e di rappresentarlo”, apprezza l’illustratore spagnolo, felice di aver potuto includere “serpenti, teschi, morte, paura” per trascrivere “l’atmosfera gotica” del romanzo.

La fabbricazione della copertina, con la sua doratura nera e oro, poi la goffratura che dà rilievo, è un’altra sfida che richiede “almeno 13 o 14 giorni” su una macchina speciale, sottolinea il signor Bordes. “La doratura è inchiostro solido, ci vuole pressione e calore per posizionarlo sulla copertina. C’è molto lavoro fatto a mano per bilanciare la pressione.”

“Fino ad allora la macchina non è stata utilizzata a pieno regime, è stata ammortizzata” grazie all’ordine dell’editore, riconosce Mélanie Franca, responsabile della produzione, dell’editoria e della comunicazione della tipografia Print System di Bègles, vicino a Bordeaux.

Il testo viene poi stampato e inserito nelle copertine in un’altra tipografia dell’Eure.

“Prodotto puramente librario”

Alla fine «la copertina la paghiamo quasi dieci volte di più», dice l’editore. “Guadagniamo molto meno per ogni libro, quindi per mantenere un prezzo tascabile avevamo bisogno di un volume molto grande, con una prima tiratura di 150.000 copie”.

Un dipendente, incaricato della stampa a caldo, lavora alla copertina del romanzo “Katie” dell’autore americano Michael McDowell, pubblicato da Monsieur Toussaint Louverture, l’8 marzo 2024 in una tipografia a Bègles, vicino a Bordeaux / Philippe LOPEZ /AFP

E dietro, tanto lavoro “di marketing, di stampa, con i librai e i lettori”, coronato dal successo visto che la saga ha ampiamente superato il milione di copie vendute.

“Nel formato tascabile, i grandi successi, a parte le segnalazioni di opere pluripremiate o di successi di grande formato, sono rari. +Blackwater+ esce dal nulla, soprattutto perché si tratta di un puro prodotto librario, senza alcun collegamento con una serie o un film, ” osserva la libraia Marie Stonestreet.

Anche le scatole vuote dove custodire la saga vanno a ruba: le 1.500 vendute online dall’editore sono tutte finite.

“Contrariamente a quanto ci è stato detto sulla morte del libro di carta, sulla dematerializzazione, negli ultimi quindici anni abbiamo assistito a un crescente interesse per i libri ben fatti”, sottolineava in dicembre Cédric Biagini, fondatore delle Editions L’Echappée, nel podcast Les Voix du Livre.

“Gli editori indipendenti, come Monsieur Toussaint Louverture, Marchialy, Le Tripode, avevano questo desiderio di creare un oggetto libro unico per differenziarsi”, ha aggiunto Jacques Braunstein, vicedirettore di Livre hebdo.

“Questi modi di fare influenzeranno inevitabilmente i più grandi editori”, ritiene Biagini. “Quando oggi andiamo in libreria, vediamo che questa cura particolare è andata oltre il solo ambito dell’editoria indipendente ed esigente”.

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire