38a edizione della Fiera Internazionale del Libro di Tunisi: Kaïs Saïed inaugura la Fiera del Libro e discute della politica culturale ed educativa al centro del progetto repubblicano

-

Il Presidente della Repubblica ha visitato diversi stand, tra cui quelli dei Ministeri della Cultura e della Difesa Nazionale, il Padiglione Italia, nonché lo stand dei quotidiani La Presse e Essabeh.

Il Presidente della Repubblica, Kaïs Saïed, ha inaugurato ieri, venerdì 19 aprile, presso il Centro Esposizioni Kram, la 38e edizione della Fiera Internazionale del Libro di Tunisi (Filt) posta sotto lo slogan “Vai oltre ciò che vedi con il tuo libro in mano”, estratto da una poesia in arabo, scelta in omaggio al famoso poeta tunisino compianto Mohamed Ghozzi.

Il Capo dello Stato è stato accolto al Centro Esposizioni Kram dal Ministro dell’Istruzione Superiore e della Ricerca Scientifica incaricato della gestione del Ministero degli Affari Culturali, Moncef Boukthir, che lo ha accompagnato in un lungo tour nei diversi stand e padiglioni della Fiera. Giusto.

La cerimonia di inaugurazione si è svolta alla presenza di Hayel Al Fayoum, ambasciatore palestinese in Tunisia, Alessandro Prunas, ambasciatore italiano, paese ospite d’onore di questa edizione, ambasciatori di diversi paesi partecipanti nonché rappresentanti del corpo diplomatico accreditato in Tunisia.

Kaïs Saïed ha visitato diversi stand, in particolare quelli dei Ministeri della Cultura e della Difesa Nazionale, il padiglione italiano, nonché lo stand del quotidiano La stampa E Essabeh.

Il Presidente ha visitato i padiglioni di molti paesi partecipanti tra cui l’Arabia Saudita e il Sultanato dell’Oman. Ha preso atto delle recenti pubblicazioni tunisine e arabe e di numerose opere esposte e ha interagito con un gran numero di autori, editori ed espositori. Hanno espresso le loro preoccupazioni e aspirazioni nel campo dei libri e dell’editoria.

Il Presidente della Repubblica fa una lunga sosta allo stand La Presse-Essabeh, raccontando l’importanza di questi due quotidiani storici che hanno accompagnato la storia contemporanea della Tunisia

Il Capo dello Stato si è soffermato a lungo nel padiglione della Palestina

Saïed ha anche visitato gli stand dei Ministeri delle Donne, della Famiglia, dei Bambini e degli Anziani e dell’Istruzione e ha scambiato opinioni con il Sig.Me Saloua Abassi. Ha visitato anche gli stand del Ministero delle Tecnologie della Comunicazione, del Centro delle Pubblicazioni Universitarie, dell’Istituto Francese di Tunisia (IFT) e della Fondazione Abdelwaheb Ben Ayed (Faba, partner nell’organizzazione di questa edizione), oltre agli stand di Case editrici tunisine e arabe.

Il Capo dello Stato ha visitato lo stand della sede delle Nazioni Unite in Tunisia, dove ha potuto conoscere i programmi dell’Organizzazione nei settori del cambiamento climatico e della lotta alla povertà, nonché nel campo della sanità in tutto il mondo. Successivamente ha visitato gli stand del Centro Internazionale di Tunisi per l’Economia Culturale Digitale (Ticdce), dell’Accademia tunisina di Scienze, Lettere e Arti Beït Al-Hikma e Alecso.

Il Capo dello Stato si è fermato a lungo al padiglione della Palestina, presente in questa edizione con un programma speciale su resistenza, identità e patrimonio con numerosi autori palestinesi invitati, così come presso gli stand di Spagna e Russia che mostra la sua partecipazione per la seconda anno consecutivo.

Il Filt 2024, che ha ha aperto le porte al grande pubblico da ieri, venerdì 19 aprile, per proseguire fino al 28 aprile, registra la partecipazione quest’anno di 25 paesi, 319 espositori di cui 161 tunisini, e 158 arabi e stranieri con in testa alla classifica l’Egitto che è partecipando con 94 espositori. Tra i principali paesi esteri presenti ci sono Iran, Turchia, Italia (ospite d’onore), Francia, Gran Bretagna e Russia. 25 paesi partecipano a questa edizione 2024, con più di 109.000 titoli di grande diversità e un programma culturale che si estende su dieci giorni con una serie di incontri, sessioni di autografi, conferenze, omaggi, oltre a un programma pensato appositamente per i bambini e i giovani che è strutturato attorno a 280 laboratori.

-

PREV Voltaire e Rousseau in spiaggia e fanno notizia sui libri
NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire