INDAGINE. Questi libri, lettere e manoscritti stuzzicano l’appetito dei criminali

INDAGINE. Questi libri, lettere e manoscritti stuzzicano l’appetito dei criminali
INDAGINE. Questi libri, lettere e manoscritti stuzzicano l’appetito dei criminali
-

Questo lunedì, 10 ottobre, il comportamento di un lettore incuriosisce il responsabile della sala di lettura della Riserva dei libri rari e preziosi della Biblioteca Universitaria delle Lingue e delle Civiltà (Bulac) di Parigi. L’uomo, munito di documento d’identità bulgaro, chiede di consultare tutte le edizioni originali di Pushkin, il grande autore russo del XIX secolo.e secolo. Insospettiti, i bibliotecari gli regalano libri di minor interesse. L’uomo se ne va, deluso. “Camminava ovunque osservando i diversi punti di accesso,” testimonia la direttrice del Bulac, Marie-Lise Tsagouria.

Ma durante la notte la biblioteca viene attaccata. Un commando spacca il bovindo. “Hanno scritto per un’ora, le telecamere hanno filmato tutto. Poi sono entrati e uno di loro si è fatto male. C’era sangue. » Sotto il frastuono dell’allarme, i delinquenti se ne vanno con oggetti di scarso valore. “ Un attacco di piedini nichelati! Come potevano immaginare che avrebbero trovato ciò che stavano cercando? Disponiamo di 6.000 mq di superfici compartimentate, con inferriate, serrature, badge e classificazione complessa che richiede la comprensione di come funziona una biblioteca » precisa la direttrice del Bulac, Marie-Lise Tsagouria.

Criminali…

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire