Al Parlamento Europeo, il Raggruppamento Nazionale si unisce al nuovo gruppo di estrema destra

Al Parlamento Europeo, il Raggruppamento Nazionale si unisce al nuovo gruppo di estrema destra
Al Parlamento Europeo, il Raggruppamento Nazionale si unisce al nuovo gruppo di estrema destra
-
ATTILA KISBENEDEK / AFP Marine Le Pen e Viktor Orban, qui durante una conferenza stampa congiunta a Budapest, Ungheria, il 26 ottobre 2021.

ATTILA KISBENEDEK / AFP

Marine Le Pen e Viktor Orban, qui durante una conferenza stampa congiunta a Budapest, Ungheria, il 26 ottobre 2021.

INTERNAZIONALE – Non è solo nell’Assemblea Nazionale che il Raggruppamento Nazionale è in prima linea. Il partito di estrema destra francese formalizzerà lunedì 8 luglio a Bruxelles la sua adesione al nuovo gruppo nazionalista “Patrioti per l’Europa”, avviato dal primo ministro ungherese Viktor Orban al Parlamento europeo.

Jordan Bardella presiederà questo nuovo gruppo, che diventerà la terza forza politica davanti alle famiglie politiche di Giorgia Meloni ed Emmanuel Macron, hanno annunciato gli eurodeputati francesi e italiani. Se ne parlava prima di un incontro a Bruxelles per formalizzare la costituzione di questo gruppo che riunirà diversi gruppi della destra radicale e dovrebbe avere più di 80 membri, di cui 30 della RN, la sua delegazione più numerosa.

Questo rally arriva il giorno dopo le elezioni legislative francesi che hanno visto il RN progredire meno del previsto e non riuscire a ottenere la maggioranza.

Anche la Lega degli Italiani Matteo Salvini ha riferito questo lunedì su X della sua partecipazione a questo gruppo che riunisce gruppi di destra radicale e nazionalisti.

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

“I nostri eurodeputati svolgeranno pienamente il loro ruolo domani (lunedì) all’interno di un grande gruppo che influenzerà gli equilibri di potere in Europa per rifiutare il sopraffazione migratoria, l’ecologia punitiva e la confisca della nostra sovranità”dal canto suo ha indicato domenica sera Giordano Bardella, leader del Raduno Nazionale, senza ulteriori precisazioni.

30 deputati della Repubblica Democratica del Congo

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha rivelato il 30 giugno la sua intenzione di formare questo gruppo parlamentare, di concerto con il partito di estrema destra austriaco FPÖ e il movimento dell’ex primo ministro ceco Andrej Babis. Viktor Orban ha mostrato l’ambizione di far sentire una voce diversa: contro il sostegno militare all’Ucraina, contro ” immigrazione illegale “ e per il “famiglia tradizionale”.

Da allora, cinque partiti di diversi paesi hanno annunciato la loro manifestazione: il Partito per la Libertà (PVV) dell’olandese Geert Wilders, il movimento portoghese Chega, lo spagnolo VOX e, da sabato, il Partito popolare danese e il partito di estrema destra. ala separatista fiamminga Vlaams Belang.

A questa si aggiungerebbero quindi il Raggruppamento Nazionale, la cui delegazione comprende 30 eurodeputati, e la Lega di Matteo Salvini, con otto eletti.

“Stiamo diventando ogni giorno più forti: la Marina Militare si unisce al nostro gruppo politico dei Patrioti per l’Europa. Benvenuti patrioti francesi! »ha salutato il segretario di Stato ungherese Tristan Azbej questo lunedì su X.

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

In questo nuovo gruppo, la RN sarebbe di fatto in testa in termini numerici: il Fidesz di Viktor Orban ha solo una decina di seggi. Con gli ultimi comizi, il gruppo parlamentare riunirebbe le delegazioni di 10 Stati membri (ce ne volevano almeno sette per esistere) e almeno 79 deputati.

Dovrebbe quindi imporsi come la terza forza al Parlamento europeo dietro la destra europeista (PPE) e i socialdemocratici (S&D), superando i liberali di Renew (76 seggi), il gruppo a cui appartiene il partito del presidente francese Emmanuel Ne fanno parte Macron e il gruppo di destra radicale ECR associato al primo ministro italiano Giorgia Meloni (78 seggi).

Vedi anche su L’HuffPost :

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

PREV In Spagna l’alleanza tra destra ed estrema destra è in frantumi – Libération
NEXT in Russia Putin aumenta le tasse per finanziare la sua “operazione militare speciale”