Barcellona è determinata a eliminare gli alloggi turistici ammobiliati nel 2028

Barcellona è determinata a eliminare gli alloggi turistici ammobiliati nel 2028
Barcellona è determinata a eliminare gli alloggi turistici ammobiliati nel 2028
-

DECRITTO – Il sindaco della seconda città spagnola ritirerà le licenze ai 10.000 Airbnb autorizzati a facilitare l’accesso agli alloggi per i residenti, suscitando la rabbia del settore.

Sarà l’hotel o niente. I turisti che, a partire da novembre 2028, vorranno trascorrere una o più notti a Barcellona non potranno più prenotare un appartamento lì su Airbnb o altre piattaforme simili. Il sindaco, il socialista Jaume Collboni, ha annunciato a fine giugno la sua decisione di non rinnovare le licenze per i 10.101 alloggi turistici ammobiliati attualmente autorizzati nella seconda città della Spagna, anche la seconda più visitata del Paese. Il presidente del governo spagnolo, anche lui socialista, Pedro Sanchez, ha dato il benvenuto « un coraggioso passo avanti ».

La decisione dovrebbe fornire sollievo alle famiglie che stanno lottando per trovare alloggi a prezzi accessibili nella capitale catalana o che continuano a vivere in aree dove la gentrificazione ha fatto lievitare i prezzi. Ciò indigna i professionisti del settore, che affermano di essere i capri espiatori di una politica che, dal loro punto di vista, non risolverà la crisi immobiliare.

« Siamo d’accordo sull’osservazione : c’è un problemaaccesso a…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta il 79% da scoprire.

Vendita lampo

1€ al mese per 3 mesi. Senza impegno.

Già iscritto? Login

-

PREV Il Regno Unito apre una nuova pagina con il laburista Keir Starmer
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie