Marine Le Pen denuncia “il partito unico” di chi “vuole conservare il potere”

Marine Le Pen denuncia “il partito unico” di chi “vuole conservare il potere”
Marine Le Pen denuncia “il partito unico” di chi “vuole conservare il potere”
-

Marine Le Pen ha denunciato su BFMTV, giovedì 4 luglio, la creazione di a “pezzo unico” Di “coloro che vogliono mantenere il potere” contro il Raggruppamento Nazionale e difese i candidati del suo partito, “brava gente” anche se c’è “pecora nera come ovunque”. Elettori della RN “sono trattati veramente come degli emarginati”, stimato il membro per Pas-de-Calais. Segui il nostro live streaming.

François Ruffin non siederà nel gruppo LFI se verrà rieletto. Candidato alla sua rielezione nella prima circoscrizione elettorale della Somme, ha affermato giovedì 4 luglio che il suo “il posto non sarà nel gruppo La France insoumise” nell’Assemblea nazionale. “Ci sono molte brave persone, non c’è dubbio, tra gli Insoumi” ma, ha spiegato, “C’è un modo per fare qualcos’altro con gli amici comunisti, ecologisti, Generazioni e così via”.

La classe politica condanna all’unanimità l’aggressione a Prisca Thevenot e alla sua squadra. Ospite di France 2, giovedì 4 luglio, il segretario nazionale del Partito comunista ha dato il suo sostegno al portavoce del governo. “In una società violenta e sempre più violenta, purtroppo, questa violenza viene trasferita ai candidati in campagna”, ha spiegato Fabien Roussel. “La politica non può essere violenza fisica, soprattutto in una democrazia”stima Raphaël Glucksmann su France Inter, per il quale “La Francia è diventata una pentola a pressione”. “

È stata aperta un’indagine per “violenza commessa in un incontro contro un funzionario pubblico eletto”. La Procura di Nanterre ha dichiarato di aver aperto un’indagine mercoledì sera dopo l’attentato di Meudon. Sono stati effettuati diversi arresti. In totale qQuattro persone, tra cui tre minorenni, sono state messe in custodia di polizia, ha aggiunto l’accusa all’AFP.

Non voterò per La France insoumise”dice Gérald Darmanin. Sul set di “4V”, in “Télématin” di France 2, l’ex sindaco di Tourcoing, vincitore del primo turno delle elezioni legislative nella sua circoscrizione elettorale del Nord, si dice “molto contrario alle istruzioni di voto”. “Bloccare la RN è una necessità per ognuno di noi, ma non a costo di votare per un candidato della France insoumise”, – ha continuato il ministro dell’InternoR.

-

PREV “Attacco” a una ragazzina di 12 anni da parte di un coccodrillo in Australia: la polizia scopre resti umani
NEXT Attualità: Mahamat Idriss Déby nel mirino della giustizia francese…