Si alza il velo mediatico sulle “assenze” di Biden

Si alza il velo mediatico sulle “assenze” di Biden
Si alza il velo mediatico sulle “assenze” di Biden
-

Il campo di Trump ha motivo di rallegrarsi in questi giorni: i lapsus e le omissioni di Joe Biden, fino ad ora principalmente strumenti di attacco per i repubblicani, sono ora visti come segnali di uno stato di salute forse invalidante del presidente democratico, candidato a nuovo mandato alla guida degli Stati Uniti.

Il 27 giugno, il dibattito televisivo sulla CNN ha rivelato a tutti un Joe Biden stanco, titubante, a volte balbettante, addirittura incapace di finire le frasi. Al punto che la stampa americana si è chiesta se non fosse giunto il momento per i democratici di cambiare schieramento di fronte a Donald Trump.

Ormai sembra dissolversi un velo mediatico sullo stato di salute del presidente, anche se raramente l’argomento è stato affrontato direttamente dalla stampa di centro e di sinistra.

Una questione di ritmo

Se Joe Biden ha provato a spegnere i dubbi sulla sua salute, la sua “assenze” non sono di ieri, sottolinea Il New York Times, che rivela in un approfondito articolo che l’uomo, 81 anni, veniva visto spesso “confuso e disorientato”. Molti dei suoi i dipendenti passati e presenti affermano di averlo notato “lapsus verbali più frequenti e più preoccupanti” durante l’ultimo anno.

Ma Biden “non è sempre così”, qualifica l’articolo, in cui rileva che i momenti di confusione sorgono soprattutto quando ciò avviene “E ritmo troppo impegnativo”, come in questo mese di giugno in cui ha attraversato più volte l’Atlantico.

Il presidente ha mostrato c

-

PREV Un’estensione del conflitto con Israele preoccupa i libanesi… moderatamente
NEXT La Brexit ha davvero danneggiato l’economia del Regno Unito?