Un funzionario eletto greco, in ritardo per prendere il volo, perde la pazienza

Un funzionario eletto greco, in ritardo per prendere il volo, perde la pazienza
Un funzionario eletto greco, in ritardo per prendere il volo, perde la pazienza
-

Un deputato della destra al potere in Grecia, che ha servito come ministro dell’Agricoltura fino a giugno, è stato espulso dal suo gruppo parlamentare mercoledì dopo aver aggredito un dipendente all’aeroporto di Atene in un video diventato virale, ha riferito l’agenzia di stampa ANA.

L’estratto pubblicato sui social media mostra Lefteris Avgenakis che strappa con rabbia il telefono dalle mani di un dipendente dell’aeroporto internazionale di Atene.

Lefteris Avgenakis “non si è presentato in tempo per imbarcarsi” sul suo volo per l’isola di Creta venerdì scorso e si è recato al banco d’imbarco per lamentarsi, gridando di poter essere comunque fatto salire a bordo, secondo la Federazione dei sindacati dei dipendenti aeroportuali.

Lefteris Avgenakis si è scusato mercoledì su X “per le tensioni e i disagi causati recentemente all’aeroporto di Atene”. Ma ha assicurato di aver avuto solo “tensione verbale con un dipendente della compagnia” che non lo ha lasciato passare perché l’imbarco era terminato.

“Il dipendente si è rifiutato ripetutamente di permettermi di contattare il suo superiore”, “il che mi ha portato a provare a togliergli il telefono dalle mani per parlargli io stesso”, ha scritto su X.

Da parte sua, la Federazione dei sindacati dei dipendenti aeroportuali ha assicurato che l’ex ministro aveva “colpito alla testa un membro del personale con l’estremità del suo cellulare”. La procura ha aperto un’indagine, ha riferito Ana.

L’esclusione del deputato cretese, pur essendo membro del partito Nuova Democrazia, fa sì che la maggioranza conservatrice abbia ormai solo 157 seggi su 300 nel parlamento greco.

-

PREV Israele approva il sequestro di 1.270 ettari nella Cisgiordania occupata
NEXT Di fronte alla sorte dei detenuti palestinesi, lo Shin Bet ammette una “violazione delle convenzioni internazionali”