Gite scolastiche, stress per gli insegnanti: “Non possiamo stare attenti a tutto, può andare presto a puttane”

Gite scolastiche, stress per gli insegnanti: “Non possiamo stare attenti a tutto, può andare presto a puttane”
Gite scolastiche, stress per gli insegnanti: “Non possiamo stare attenti a tutto, può andare presto a puttane”
-
Già distribuite le liste del materiale scolastico: «Solo di libri mi sono arrivati ​​188 euro!».

Ma tutto ciò richiede organizzazione da parte degli insegnanti. “Dipende dal PO (autorità organizzatrice) ma in generale cerchiamo idee e programmiamo per il prossimo anno in modo da prenotare il prima possibile perché raramente partiamo con una sola lezione”, spiega Xavier, insegnante della scuola primaria. “Quando siamo partiti con 60 alunni, le tre classi di prima elementare, eravamo in sei: tre insegnanti e tre educatori.”

L’uscita dalle mura scolastiche rappresenta spesso per i bambini un’occasione di divertimento. Quando non ci si trova più nello spazio molto limitato dell’aula, è facile rimanere indietro o allontanarsi dal gruppo. “È sempre un po’ più stressante quando non sei a scuola. Portiamo con noi una farmacia nel caso in cui un bambino si faccia male e passiamo il tempo a contare gli studenti per essere sicuri di non dimenticare nessuno.”, testimonia Charlotte, insegnante delle elementari 1 e 2. “I genitori si fidano di noi per portare i loro figli in un posto che non conosciamo perché raramente abbiamo il tempo di andare in giro. Non conosciamo tutti i potenziali pericoli.”

Lo stipendio di un dirigente appena superiore a quello di un insegnante: “300-600 euro di differenza”

Un autobus quando possibile

Recentemente, un bambino di 7 anni è annegato durante una gita scolastica. “Non possiamo essere attenti a tutto, dipendiamo anche dall’ambiente (automobili, ciclisti, viaggiatori, ecc.). Ci preoccupiamo perché 3 metri davanti a noi, un bambino non presta attenzione perché le cose possono andare rapidamente a puttane. Dipende dal tuo gruppo classe e anche dall’autorità che hai sul tuo gruppo. Abbiamo un’enorme parte di responsabilità e dobbiamo educare i nostri studenti”reagisce Saverio.

Gli insegnanti devono essere sempre vigili durante le uscite scolastiche. ©Z.-ZZ

L’uso dello scuolabus rappresenta senza contesto il mezzo più pratico per gli accompagnatori. “Saliamo proprio di fronte alla scuola e ci lascia proprio di fronte al luogo dell’attività. Finché non andiamo in autobus, è stressante. I più piccoli, a 6 anni, non sono consapevoli dei pericoli. Ho colleghi che diventano ansiosi non appena varcano la soglia della scuola”., sviluppa Xavier. I viaggi a piedi sono molto stressanti perché gli insegnanti hanno poco controllo. Anche con i mezzi pubblici il viaggio può sembrare complesso. “È necessario assicurarsi che nessuno salti dalla piattaforma e non disturbi gli altri viaggiatori. Ci sono sempre bambini che sono più difficili o che richiedono più attenzione.”specifica Charlotte.

La professione docente non piace più: “Gli studenti conoscono le condizioni di lavoro degli insegnanti e non vogliono fare altrettanto”

Cosa può dissuadere gli insegnanti dal ritirare i propri figli da scuola? No, assicurano. “Ciò che ridurrà le visite esterne sarà piuttosto il costo. Quindi usciamo di meno e facciamo più attività nello stabilimento”termine Charlotte.

-

PREV L’esercito israeliano annuncia di aver preso di mira il capo dell’ala militare di Hamas
NEXT Trump evacuato dalla manifestazione elettorale dopo la sparatoria, ucciso il sospetto uomo armato