Guerra in Ucraina: Viktor Orban, primo ministro ungherese, visita l’Ucraina per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa

Guerra in Ucraina: Viktor Orban, primo ministro ungherese, visita l’Ucraina per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa
Guerra in Ucraina: Viktor Orban, primo ministro ungherese, visita l’Ucraina per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa
-

Martedì 2 luglio, il primo ministro ungherese Viktor Orban farà la sua prima visita in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa, nonostante le forti tensioni legate alla sua vicinanza a Mosca e alla sua opposizione agli aiuti a Kiev.

Il leader nazionalista “è arrivato a Kiev per discutere con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj”, ha detto il suo portavoce Bertalan Havasi, citato dall’agenzia di stampa nazionale MTI.

Si tratta soprattutto di discutere “della possibilità di raggiungere la pace”, ha aggiunto.

Viktor Orban, il cui paese ha appena assunto per sei mesi la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, si distingue chiaramente dagli altri leader occidentali riguardo all’Ucraina.

Ad esempio, blocca regolarmente gli aiuti militari all’Ucraina, estremamente preziosi per Kiev, e chiede costantemente un cessate il fuoco.

All’inizio dell’anno ha posto il veto su una dotazione di 50 miliardi di euro. Ciò è stato finalmente convalidato, ma con un ritardo denunciato dai funzionari ucraini.

Il leader euroscettico, al potere ininterrottamente dal 2010, si è anche fermamente opposto a qualsiasi discussione sull’adesione dell’Ucraina all’UE, ritenendo che questo paese non fosse pronto.

Alla fine ha accettato di lasciare il tavolo al vertice dei leader dei Ventisette lo scorso dicembre, mentre i suoi 26 omologhi hanno deciso di aprire i negoziati di adesione con Kiev.

Lunedì il presidente Zelenskyj ha inviato le sue “congratulazioni” all’Ungheria per l’inizio della presidenza dell’UE. Ha detto che spera che il Paese promuova “valori, obiettivi e interessi comuni europei”.

Antica faida

Viktor Orban è rimasto vicino alla Russia e al suo presidente Vladimir Putin, con il quale l’Occidente ha tagliato i legami dall’inizio della guerra in Ucraina.

Andando controcorrente, rafforza i legami politici ed economici del suo Paese con il Cremlino. La Russia rimane una fonte chiave per il fabbisogno energetico del paese dell’Europa centrale.

Il leader ungherese disapprova anche le sanzioni europee varate contro la Russia e cerca di allentarle, senza bloccarle del tutto.

Ha più volte descritto l’invasione russa dell’Ucraina come una “operazione militare”, usando un eufemismo imposto dal Cremlino per evitare di parlare di guerra.

Viktor Orban ha anche incontrato Vladimir Putin a Pechino nell’ottobre 2023, per discutere di cooperazione energetica.

Al contrario, i suoi rapporti con Volodymyr Zelenskyj sono molto freschi.

Il primo ministro ungherese ha addirittura elencato il leader ucraino tra i suoi “avversari” durante un discorso dopo la sua rielezione nel 2022.

Volodymyr Zelenskyj, da parte sua, denunciò nei primi giorni di guerra la mancanza di sostegno da parte di Viktor Orban.

Ciononostante si sono incontrati più volte, in particolare alla fine di giugno, durante un vertice del Consiglio europeo a Bruxelles.

A dicembre, i due hanno avuto uno scambio molto approfondito anche durante l’insediamento del presidente argentino Javier Milei.

I filmati, pubblicati online, hanno mostrato quella che sembrava essere una conversazione tesa. Volodymyr Zelenskyj ha descritto lo scambio come “franco”.

Da diversi mesi si discuteva di un incontro tra i due leader, secondo le dichiarazioni dei funzionari ucraini.

I rispettivi ministri degli Esteri si sono incontrati alla fine di gennaio per preparare un incontro tra i loro leader.

La disputa tra i due paesi non è nuova e le relazioni diplomatiche si erano già deteriorate prima dell’invasione, perché l’Ucraina ha adottato una serie di misure controverse dal 2017, in particolare sull’insegnamento della lingua ucraina.

Più di 100.000 magiari vivono in Transcarpazia, una regione nell’estremo ovest dell’Ucraina che era sotto il controllo di Budapest fino alla prima guerra mondiale.

Anche l’Ungheria, che confina con l’Ucraina, ha accolto molti meno rifugiati rispetto alla maggior parte dei membri dell’UE.

-

PREV 12.440 candidati nella regione di Casablanca-Settat
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie