“Bambola di pezza”: Morte di un bambino: una tata davanti alle assise del Basso Reno

“Bambola di pezza”: Morte di un bambino: una tata davanti alle assise del Basso Reno
“Bambola di pezza”: Morte di un bambino: una tata davanti alle assise del Basso Reno
-

Una badante di 44 anni è sotto processo da lunedì davanti al tribunale del Basso Reno a Strasburgo. È accusata di aver scosso un bambino affidato alle sue cure, provocandone la morte.

Da lunedì è sotto processo una badante di 44 anni (immagine illustrativa).

ats

Il 22 ottobre 2013, questa donna chiamò i vigili del fuoco intorno alle 8,30, in preda al panico, spiegando che il piccolo Hugo, di sei mesi, che le era stato affidato meno di un’ora prima, era fiacco e che usciva il latte. del naso e della bocca. Trasferito al pronto soccorso pediatrico, il bambino è morto in mattinata.

Gli accertamenti medici hanno evidenziato lesioni corrispondenti ad una o più violente manovre di scuotimento. Secondo gli esperti queste lesioni non potrebbero essere dovute a un incidente domestico.

Il neonato ha riportato almeno tre traumi: il primo, per uno scuotimento tra il 5° e il 6° mese, il secondo, per uno shock alla testa e il terzo, un nuovo episodio di tremore, avvenuto pochi minuti prima della chiamata. ai servizi di emergenza.

La tata ha spiegato che quella mattina gli aveva dato un biberon e lui aveva fatto due rutti, cosa che lei trovava “strana”. Poi lo mise a letto e lasciò la stanza per qualche istante. Quando è tornata, lo ha trovato inerte e, presa dal panico, lo ha scosso per rianimarlo prima di chiamare i soccorsi.

“Bambola di pezza”

Lunedì mattina il direttore delle indagini della gendarmeria ha detto che la bambinaia aveva leggermente cambiato la sua versione e ha affermato che non si sentiva bene. Ha spiegato che quando si è ripresa, ha trovato la bambina sul letto “come una bambola di pezza”. Lo aveva scosso “abbastanza forte da ottenere una reazione da lui”.

La corte ha esaminato anche la personalità della tata, che lasciò la casa paterna all’età di 20 anni a causa dei difficili rapporti con la madre. “Ho sofferto per non aver avuto la madre presente”, ha detto l’imputata, che appariva libera, con la voce singhiozzante.

Dopo diversi lavoretti segnati, secondo i suoi datori di lavoro, da numerose assenze, si è formata per diventare tata e accogliere i bambini a casa sua: “mi ha permesso di restare a casa mentre mi prendevo cura dei miei figli”, ha spiegato questa madre di due figli.

ATS

-

PREV siccità e carenza idrica già presenti
NEXT Le Chant d’Éole si distingue ancora una volta sotto il sole della Sardegna