A due anni dalla decisione della Corte Suprema, l’aborto al centro del duello presidenziale

A due anni dalla decisione della Corte Suprema, l’aborto al centro del duello presidenziale
A due anni dalla decisione della Corte Suprema, l’aborto al centro del duello presidenziale
-

(Washington) A due anni da una storica sentenza della Corte Suprema, l’aborto si è imposto come tema imprescindibile nella partita elettorale tra Donald Trump e Joe Biden, con luci rosse scarlatte per il campo repubblicano.


Inserito alle 11:58

Camille CAMDESSO

Agenzia media francese

Il 24 giugno 2022, l’Alta Corte, profondamente revisionata dall’ex presidente, ha ribaltato la famosa giurisprudenza Roe v. Wade, che garantì il diritto federale delle donne americane ad abortire, dando a ogni stato la libertà di legiferare.

Il Paese è ormai fratturato tra una ventina di Stati che hanno decretato divieti o forti restrizioni, localizzati soprattutto al Sud e al Centro, e quelli costieri, che hanno adottato nuove protezioni.

La decisione della Corte Suprema ha gettato l’America in una profonda incertezza giuridica, aprendo altre questioni sulla fecondazione in vitro, ad esempio.

Il tempio della legge americana dovrà presto pronunciare anche un’altra decisione molto attesa.

La Corte Suprema deve decidere se gli ospedali dell’Idaho devono seguire le linee guida federali ed eseguire aborti in determinate situazioni che mettono a rischio la salute delle donne, o se sono soggetti al divieto virtuale dello stato conservatore.

“Crisi sanitaria”

“Questa è una crisi sanitaria e sappiamo chi è responsabile: Donald Trump” attacca la vicepresidente Kamala Harris, in prima linea sull’argomento, secondo estratti di un discorso che terrà lunedì nel Maryland (est) , per poi ripetere gli stessi argomenti in Arizona (sud-ovest), uno stato potenzialmente decisivo per le elezioni di novembre.

I democratici credono che con la difesa del diritto all’aborto abbiano un argomento forte per strappare voti preziosi alle donne e ai giovani.

Dopo la sentenza della Corte, i conservatori hanno perso quasi ogni referendum o voto che sollevasse la questione dell’aborto, anche in stati che di solito sono in gran parte loro, come Ohio, Alabama e Kansas.

Negli ultimi due anni, “il movimento pro-aborto ha scoperto che gli americani tengono a questo diritto molto più di quanto si aspettassero”, osserva la professoressa Mary Ziegler dell’Università della California, Davis. “E così cercano di approfittare di questa situazione attraverso iniziative elettorali”, spiega.

Il presidente Joe Biden, cattolico praticante da tempo cauto sulla questione, è diventato lui stesso un paladino del diritto all’aborto, e non esiterà a sottolinearlo giovedì durante il primo dibattito con il suo rivale.

“Donald Trump è l’unico responsabile” dell’“incubo” causato dalla decisione della Corte Suprema, ha criticato lunedì mattina il democratico in un comunicato stampa.

Cattiva amministrazione

Il team della sua campagna ha svelato un clip pubblicitario in cui una donna afferma di aver subito un rifiuto delle cure in Louisiana per un aborto spontaneo all’11a settimana di gravidanza, “una conseguenza diretta” delle decisioni dell’ex presidente, ha detto di fronte alla telecamera.

I democratici hanno incoraggiato lo svolgimento di mini-referendum sull’aborto in diversi Stati indecisi lo stesso giorno delle elezioni presidenziali.

La loro logica è semplice: i voti a favore della scelta potrebbero avvantaggiare enormemente Joe Biden e mobilitare gli elettori che altrimenti sarebbero stati tentati di snobbare il voto.

Secondo un sondaggio d’opinione di Fox News pubblicato mercoledì, il 47% degli elettori considera la questione dell’aborto “estremamente importante” per decidere tra Joe Biden e Donald Trump.

Trump ambiguo

Sull’aborto, il miliardario repubblicano, che non perde occasione per sottolineare che è stato attraverso le sue nomine giudiziarie che la Corte Suprema ha compiuto la sua storica svolta, ora è volutamente ambiguo.

“Devi seguire la tua anima e la tua coscienza su questo tema, ma non dimenticare che devi anche vincere le elezioni”, ha detto in un video all’inizio di aprile.

Ad esempio, il candidato repubblicano non sta facendo campagna elettorale sulla promessa molto impopolare di vietare l’aborto in tutto il paese attraverso la legge federale, come vorrebbe la destra religiosa.

“La cosa migliore che puoi fare se la tua posizione è impopolare… è non chiarirla”, afferma la professoressa Mary Ziegler.

-

PREV Violazioni del diritto internazionale commesse il 7 ottobre denunciate da Human Rights Watch
NEXT Incendio in un centro commerciale in Cina, almeno sei morti