Il limitato sostegno di Bardella alla difesa dell’Ucraina

-

Il presidente della RN, Jordan Bardella, alla mostra Eurosatory, a Villepinte (Seine-Saint-Denis), 19 giugno 2024. STEPHANIE LECOCQ / REUTERS

A meno di dieci giorni dal primo turno delle elezioni legislative, il Raggruppamento Nazionale (RN) cerca di dare garanzie sulla guerra in Ucraina, pur marcando la differenza con Emmanuel Macron. Mercoledì 19 giugno, nei corridoi della fiera delle armi Eurosatory, Jordan Bardella, il candidato della RN alla carica di Primo Ministro, ha assicurato di voler mantenere il sostegno militare francese a Kiev. Ma mentre il presidente francese e il suo omologo americano, Joe Biden, autorizzavano, alla fine di maggio, gli ucraini a colpire il territorio russo con missili a lungo raggio, il capo della RN ribadiva il suo rifiuto di un simile approccio: lì a uno ” Linea rossa “ Per “Evitare ogni rischio di escalation”ha ripetuto.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Sul sostegno all’Ucraina, la RN continua la sua ricerca di rispettabilità senza dissipare le sue ambiguità

Aggiungi alle tue selezioni

Per gli stessi motivi, i funzionari della RN hanno messo in dubbio, non appena è stata annunciata il 6 giugno, la decisione del Capo dello Stato di vendere i Mirage 2000-5 a Kiev, così come il progetto delineato dall’Eliseo di inviare istruttori francesi nel campo. “Mandare i nostri istruttori in una zona di guerra significa correre il rischio che diventino un bersaglio”ha giustificato Marine Le Pen, durante una visita a Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais): “La domanda che segue immediatamente è: se mai, il che sarebbe una tragedia, dovessimo perdere dei soldati francesi inviati in Ucraina, cosa faremo dopo? Qual è la risposta fornita dalla Francia? Come vedete arriviamo subito a un’escalation che non vogliamo. »

“L’Ucraina è stata vittima di un’aggressione estremamente grave e di una violazione della sua sovranità, dobbiamo cercare a tutti i costi di trovare i mezzi perché possa riconquistare la sua libertà e porre fine ai combattimenti che stanno uccidendo un’intera generazione Ucraini », ha spiegato anche colui che non ha esitato, durante la campagna elettorale del 2017, a cercare l’appoggio del presidente russo Vladimir Putin.

Accendi la NATO

Stesso spostamento d’ala per quanto riguarda l’Alleanza Atlantica. “Non intendo mettere in discussione gli impegni assunti dalla Francia sulla scena internazionale, Lo ha detto mercoledì Bardella. Esiste un problema di credibilità nei confronti dei nostri partner europei e dei nostri alleati della NATO. » Pertanto non ha più intenzione di farlo “lascia comando integrato” dell’Alleanza Atlantica, come proposto da MMe Le Pen nel 2022. Almeno non quanto la guerra in Ucraina “è ancora in corso”, ha spiegato a marzo. La RN resta tuttavia contraria all’adesione di Kiev alla NATO e all’Unione Europea, mentre Emmanuel Macron è favorevole.

Ti resta il 55,77% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie