Barcellona: fine degli appartamenti turistici entro il 2029

Barcellona: fine degli appartamenti turistici entro il 2029
Barcellona: fine degli appartamenti turistici entro il 2029
-

Barcellona vuole porre fine all’affitto di appartamenti turistici entro il 2029 per facilitare l’accesso agli alloggi ai residenti, ha annunciato venerdì ogni anno il sindaco di questa città del nord-est della Spagna, che riceve milioni di turisti.

“Il Parlamento catalano ci autorizza ora a “non rinnovare le licenze per gli appartamenti turistici”, cosa che “ci permetterà di rimettere 10.000 alloggi sul mercato dell’affitto o della vendita”, ha assicurato in una conferenza stampa il sindaco di Barcellona, ​​il socialista Jaume Colleboni.

Secondo il comune, le licenze per gli appartamenti turistici, rinnovate per cinque anni a novembre, scadranno nel novembre 2028.

Ciò significa che “a partire dal 2029”, se non ci saranno battute d’arresto, “gli appartamenti turistici come li vediamo oggi scompariranno dalla città di Barcellona”, ha detto l’assessore.

Per attuare questa misura, Barcellona vuole avvalersi di un decreto approvato l’anno scorso dal parlamento regionale della Catalogna, che regola il numero di alloggi con licenza per uso turistico nelle città dove la pressione immobiliare è maggiore.

“La città non può permettere che un numero così elevato di appartamenti venga utilizzato per attività turistiche in un contesto in cui sono evidenti la difficoltà di accesso agli alloggi e gli effetti negativi della sovrappopolazione turistica”, ha giustificato il comune in un comunicato stampa.

Il problema principale

Secondo Collboni, che considera l’edilizia abitativa il “principale” problema di Barcellona, ​​gli affitti sono aumentati del 68% negli ultimi dieci anni nella capitale catalana, dove attualmente 10.101 case sono autorizzate come appartamenti turistici.

Barcellona ha sospeso il rilascio di nuove licenze negli ultimi anni sotto la guida dell’ex sindaco Ada Colau (2015-2023), ex attivista per il diritto alla casa, al fine di regolamentare l’espansione turistica della città, la principale destinazione dei visitatori stranieri in Spagna .

Ma ciò non ha impedito che gli effetti dell’overtourism continuassero a farsi sentire sull’edilizia abitativa, in particolare dopo la fine della pandemia di Covid-19.

Per protestare contro questa situazione, diverse associazioni locali hanno indetto una manifestazione in città il 6 luglio con lo slogan: ‘Basta! Mettiamo limiti al turismo!’.

Questo raduno segue altre manifestazioni simili già organizzate negli ultimi mesi in altri punti caldi del turismo spagnolo, come le Isole Canarie e Palma di Maiorca.

/ATS

-

PREV Il presidente Milei innesca la tensione diplomatica con la Bolivia e distrugge il Mercosur
NEXT Guerra Israele-Hamas. Ordine di evacuazione del sud di Gaza, rilascio dei detenuti… le ultime notizie