Cinque migranti trovati morti al largo delle Canarie, 68 salvati da una nave da crociera

Cinque migranti trovati morti al largo delle Canarie, 68 salvati da una nave da crociera
Cinque migranti trovati morti al largo delle Canarie, 68 salvati da una nave da crociera
-

Cinque migranti sono stati trovati morti mercoledì a bordo di una barca alla deriva al largo delle coste delle Isole Canarie, mentre almeno altri 68 sono stati salvati da una nave da crociera, hanno annunciato giovedì i servizi di emergenza spagnoli.

• Leggi anche: Spagna: ritrovati i corpi di quattro donne a bordo di una barca alla deriva

• Leggi anche: Due corpi di migranti ritrovati a bordo di una barca al largo delle Isole Canarie

• Leggi anche: Spagna: quattro migranti trovati morti al largo delle Canarie

La canoa è stata avvistata mercoledì pomeriggio da una barca quando si trovava a circa 800 chilometri a sud di Tenerife, una delle isole dell’arcipelago spagnolo situata vicino alla costa nord-occidentale del continente africano, dove il numero degli arrivi di migranti è tornato ad aumentare nelle ultime settimane.

I soccorritori hanno poi chiesto ad una nave da crociera, la Insignia, che si trovava nelle vicinanze, di raccogliere i sopravvissuti, hanno riferito i servizi di soccorso spagnoli.

Questa barca, di proprietà della compagnia Oceania Cruises, con sede a Miami, e che può ospitare fino a 670 passeggeri, ha intrapreso da gennaio un viaggio di 180 giorni intorno al mondo.

Il suo equipaggio è riuscito a salvare 68 migranti dell’Africa sub-sahariana, tra cui tre minori e tre donne, e a recuperare tre corpi, ma il “maltempo” ha impedito loro di recuperare gli altri due corpi.

Si è deciso quindi di lasciare lì il barcone dei migranti, posizionando a bordo un dispositivo di localizzazione per consentire ai soccorritori di ritrovarlo successivamente.

L’arrivo dell’Insignia a Tenerife è previsto venerdì mattina.

Un portavoce di Oceania Cruises ha affermato che ai 68 migranti è stata fornita “assistenza medica, cibo, bevande, vestiti e un luogo sicuro dove riposare” a bordo.

Questo nuovo dramma illustra l’aumento degli arrivi di migranti alle Canarie registrato nelle ultime settimane.

Secondo le ultime statistiche del Ministero degli Interni spagnolo per il 2024, tra il 1° gennaio e metà giugno sono arrivati ​​alle Canarie 18.977 migranti a bordo di 290 imbarcazioni, rispetto ai 5.914 a bordo di 126 imbarcazioni nello stesso periodo dell’anno scorso.

Nel 2023, quasi 40.000 migranti erano arrivati ​​alle Canarie, più del doppio della cifra registrata l’anno precedente e anche più rispetto al 2006, anno record fino ad allora per gli arrivi di migranti.

La Spagna è uno dei tre principali punti di ingresso in Europa per l’immigrazione clandestina, insieme a Grecia e Italia.

Dall’inizio dell’anno, però, gli arrivi in ​​Italia via mare sono diminuiti sensibilmente, secondo i dati del Viminale, con i flussi migratori che si spostano verso Spagna e Grecia.

Per quanto riguarda la Spagna, la rotta principale è quella delle Canarie, meno monitorata di quella del Mediterraneo.

Si tratta però di un percorso estremamente pericoloso a causa delle correnti e dello stato molto precario delle imbarcazioni di fortuna utilizzate dai migranti.

La maggior parte delle barche che arrivano alle Canarie provengono dal Senegal, dal Marocco o dal Sahara Occidentale.

Secondo i dati dell’ONG spagnola per gli aiuti ai migranti Caminando Fronteras, più di 5.000 migranti sono morti durante i primi cinque mesi dell’anno mentre cercavano di raggiungere la costa spagnola, la maggior parte attraverso la rotta marittima delle Canarie.

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie