Zelenskyj spera in “una pace giusta il più presto possibile”

-

L’atteggiamento russo “prepara le guerre future”, afferma il presidente della Commissione europea

Pubblicato oggi alle 15:59

18:42

L’atteggiamento della Russia in Ucraina “prepara future guerre di aggressione”, secondo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Sabato sera a Bürgenstock (NW) ha invocato il rispetto della Carta dell’ONU.

“L’occupazione russa non è una soluzione adeguata”, ha detto il presidente ai partecipanti alla conferenza sulla pace in Ucraina. E per difendere il diritto internazionale.

Da parte sua, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha sottolineato per due anni la “lotta esistenziale” dell’Ucraina per la sua integrità. “Questa guerra riguarda tutti noi”, ha insistito. “Nessun paese vuole la pace più dell’Ucraina”, ha aggiunto il cancelliere tedesco. Ma un cessate il fuoco senza una tabella di marcia per una pace giusta non sarebbe sostenibile e porterebbe solo a un conflitto congelato, ha affermato.

Le preoccupazioni della Russia per la sicurezza “non possono giustificare” l’offensiva russa durata due anni, ha detto.

18:28

La vicepresidente americana Kamala Harris ha attaccato il presidente russo Vladimir Putin nel suo discorso al Bürgenstock (NW). Lui “non propone il negoziato, propone la resa”, ha lamentato sabato sera.

Sperava che l’incontro di Nidvaldo avrebbe contribuito a riportare indietro le migliaia di bambini deportati in Russia e ad aumentare la sicurezza alimentare e la sicurezza ucraina. E lavora per una “pace giusta e duratura sancita dalla Carta delle Nazioni Unite”. Ogni paese ha il diritto di “scegliere le proprie alleanze”, ha insistito la Harris, in riferimento al desiderio dell’Ucraina di aderire alla NATO.

18:24

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ritiene che la seconda conferenza sull’Ucraina dovrebbe “stabilire la fine del conflitto”. I lavori preliminari dovrebbero consentire di presentare un piano alla Russia, ha dichiarato sabato sera all’inizio del vertice a Bürgenstock (NO).

Questo fine settimana vuole presentare un piano d’azione sulla sicurezza nucleare, sulla sicurezza alimentare e sulle questioni umanitarie. “È possibile”, ha insistito. “Perché la Russia non è qui? Se la Russia avesse voluto la pace, non avrebbe intrapreso la guerra”, ha detto.

18:18

“Un processo di pace senza la Russia è inconcepibile”. Sabato sera, aprendo la conferenza di pace in Ucraina a Bürgenstock (NW), la presidente federale Viola Amherd ha invitato tutte le parti a compiere “sforzi”.

L’obiettivo è “ispirare un processo che conduca ad un quadro di pace basato sul diritto internazionale”, ha affermato Viola Amherd davanti a un centinaio di delegazioni. “Sta a noi garantire che ci sia una seconda conferenza”, ha aggiunto.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy parla accanto alla presidente svizzera Viola Amherd durante la sessione plenaria di apertura del vertice.

“Oggi è il giorno in cui inizieremo il cammino verso una pace giusta”, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj. Ha ringraziato il mondo per aver dimostrato di non accettare più la “guerra totale” e di essere “più forte di Putin”.

“Dobbiamo porre fine a questa guerra” facendo affidamento sulla Carta delle Nazioni Unite, ha insistito.

18:02

Sabato all’inizio del vertice di Bürgenstock (NO) la vicepresidente americana Kamala Harris ha espresso la sua fiducia. “Non vedo l’ora di trascorrere un periodo molto produttivo”, ha detto a Keystone-ATS.

A margine della conferenza nella Svizzera centrale, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha incontrato sabato la delegazione americana guidata da Kamala Harris e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.

La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris stringe la mano al presidente ucraino Volodymyr Zelensky il 15 giugno 2024.

Washington è il principale sostenitore dell’Ucraina nella lotta contro l’aggressore russo. Durante l’incontro in Svizzera, gli Stati Uniti hanno annunciato nuovi aiuti per l’Ucraina di 1,5 miliardi di dollari.

16:41

I negoziati sulla dichiarazione finale della conferenza di Bürgenstock sull’Ucraina stanno andando avanti, ha assicurato sabato ai giornalisti il ​​capo della diplomazia svizzera Ignazio Cassis. Ha detto che spera in un “passo nella giusta direzione”.

Il consigliere federale ha inoltre sottolineato l’importanza di questa conferenza, a suo avviso la più grande organizzata dallo scoppio della guerra in Ucraina nel febbraio 2022.

La delegazione svizzera, a sinistra, con la presidente della Confederazione Viola Amherd e il consigliere federale Ignazio Cassis, e la delegazione ucraina, a destra, con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, si incontrano per un incontro bilaterale durante il vertice della pace in Ucraina, sabato 15 giugno 2024.

I negoziati sulla dichiarazione finale dureranno “fino all’ultimo minuto”, hanno detto sabato a Keystone-ATS fonti convergenti vicine alle discussioni. Il testo è “consolidante”, hanno aggiunto.

Sono possibili diversi scenari, inclusa una dichiarazione finale senza consenso che darebbe a ciascuno Stato la possibilità di specificare se approva o meno.

16:14

Il primo ministro canadese Justin Trudeau è arrivato in Svizzera. Secondo un fotografo della Keystone-ATS, l’atterraggio è avvenuto intorno alle 16 all’aeroporto di Zurigo. Da lì proseguirà il suo viaggio verso la Svizzera centrale, dove parteciperà alla conferenza di due giorni sulla pace in Ucraina.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau (a destra) arriva all'aeroporto di Zurigo, Svizzera, il 15 giugno 2024.

16:06

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è arrivato in Svizzera per la conferenza di pace in Ucraina. Secondo le informazioni di un fotografo Keystone-ATS, è atterrato dopo le 15 all’aeroporto di Zurigo, da dove ha proseguito il viaggio verso Bürgenstock (NO).

Il cancelliere federale tedesco Olaf Scholz arriva all'aeroporto di Zurigo, sabato 15 giugno 2024.

All’inizio del vertice, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha espresso la speranza di raggiungere “una pace giusta il più rapidamente possibile”. “Vedremo fare la storia in questo vertice”, ha aggiunto.

Viola Amherd stringe calorosamente la mano al suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky.

Nonostante la notevole assenza di Russia e Cina, questo vertice mostra ambizioni misurate. “Insieme stiamo facendo il primo passo verso una pace giusta”, ha declamato il presidente ucraino, aggiungendo che “il mondo è più forte” di Vladimir Putin.

Insieme alla controparte ucraina, la presidente della Confederazione Viola Amherd ha condiviso il desiderio di “ispirare un processo per una pace giusta e duratura”, ricordando che “prima o poi anche la Russia dovrà essere coinvolta”.

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

-

PREV Donald Trump evacuato da una riunione in Pennsylvania, si sono sentite esplosioni
NEXT Trump evacuato dal comizio elettorale con sangue sull’orecchio, si sentono esplosioni (giornalisti AFP)