L’AIEA avverte: l’Iran aumenta ulteriormente le sue capacità nucleari

L’AIEA avverte: l’Iran aumenta ulteriormente le sue capacità nucleari
L’AIEA avverte: l’Iran aumenta ulteriormente le sue capacità nucleari
-
Leggi anche: Mirare agli impianti nucleari iraniani? La tentazione di Israele

La risoluzione, che Teheran ha definito “frettolosa e sconsiderata”, arriva in un vicolo cieco sull’escalation delle attività nucleari dell’Iran e mentre le potenze occidentali temono che Teheran stia cercando di sviluppare un’arma nucleare, cosa che l’Iran nega.

Sebbene in questa fase abbia carattere simbolico, la mozione di sfiducia mira ad aumentare la pressione diplomatica sull’Iran, con la possibilità di deferire la questione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Risoluzioni simili in passato hanno spinto Teheran a reagire rimuovendo telecamere di sorveglianza e altre apparecchiature dai suoi impianti nucleari e intensificando le attività di arricchimento dell’uranio.

Per saperne di più: L’Iran si avvicina alla bomba nucleare

Molto vicino alla qualità militare

Secondo l’AIEA, l’Iran è l’unico stato non dotato di armi nucleari ad arricchire l’uranio all’alto livello del 60% – molto vicino al livello delle armi – pur continuando ad accumulare grandi scorte di uranio. L’AIEA ha affermato che Teheran ha notevolmente accelerato il suo programma nucleare e ora dispone di materiale sufficiente per realizzare diverse bombe atomiche.

La Repubblica islamica ha progressivamente rotto gli impegni assunti nell’ambito dell’accordo sul nucleare concluso con le potenze mondiali nel 2015. Questo storico accordo ha consentito all’Iran di sfuggire alle sanzioni occidentali in cambio della limitazione del suo programma atomico, ma è crollato dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti. Stati sotto la presidenza di Donald Trump nel 2018.

-

PREV La popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi di anime nel 2080, secondo un rapporto delle Nazioni Unite – Telquel.ma
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie