Scivolo e montagne russe: la campagna molto sportiva del leader dei Lib-Dem britannici

Scivolo e montagne russe: la campagna molto sportiva del leader dei Lib-Dem britannici
Scivolo e montagne russe: la campagna molto sportiva del leader dei Lib-Dem britannici
-

Scivolo e montagne russe: la campagna molto sportiva del leader dei Lib-Dem britannici

Giovedì il leader dei liberaldemocratici britannici Ed Davey ha sostituito giacca e cravatta con scarpe da ginnastica e pantaloncini per un percorso a ostacoli, l’ultima trovata di una lunga serie che ha dato a questo partito centrista una visibilità inaspettata nella campagna per le elezioni legislative.

Un giorno sulle montagne russe, il giorno dopo uno scivolone: ​​il 58enne deputato è perfettamente disposto a fare il pagliaccio per far nascere i “Lib-Dem” nelle campagne dominate dai conservatori e dai laburisti al potere.

Già il 28 maggio ha deliziato i fotografi cadendo in acqua durante un giro in pagaia su un lago in Inghilterra all’inizio della corsa per Downing Street.

Se alcune persone pensavano che fosse un errore, ciò che seguì dimostrò rapidamente che si trattava di una strategia deliberata e, da allora, Ed Davey ha continuato a fare questo esercizio quotidianamente.

Attira i media, distillando le sue proposte per migliorare la gestione della dipendenza o lottare contro l’inquinamento dei fiumi dovuto agli scarichi delle acque reflue.

“Stiamo cercando di trasmettere messaggi politici seri, ma in un modo che spero sia attraente e dimostri che non mi prendo sempre troppo sul serio”, ha detto mercoledì Ed Davey al podcast di The News Agents.

Gli ultimi sondaggi sembrano dargli ragione, uno studio dell’istituto YouGov li colloca addirittura al 15% contro solo il 18% dei conservatori del primo ministro Rishi Sunak e il 17% del partito anti-immigrazione Reform UK di Nigel Farage. Il partito laburista di Keir Starmer rimane molto più avanti con il 38%.

Data la loro buona presenza in alcune circoscrizioni elettorali, si comincia addirittura a discutere l’ipotesi folle di vedere i Lib-Dem superare i Tory in numero di seggi e Ed Davey diventare leader dell’opposizione.

La campagna si preannunciava difficile per il partito, che ha visto il suo gruppo scendere a 11 deputati su 650 durante le elezioni legislative del 2019 e si è ritrovato a malapena ascoltato nel dibattito pubblico.

Di fronte ai conservatori che sono ormai di estrema destra, il loro posizionamento moderato, europeista e proattivo in termini di politiche verdi, piace a parte dell’elettorato di centrodestra, soprattutto nelle regioni ricche del “muro blu”. dalle roccaforti conservatrici alla ricca popolazione del sud dell’Inghilterra.

Ma alla sua sinistra, il Labour si è rifocalizzato e gli ha lasciato poco spazio, sfruttando appieno la sfiducia nei confronti dei conservatori. Soprattutto da quando i Lib-Dem hanno pagato per la loro partecipazione al governo conservatore di David Cameron tra il 2010 e il 2015, in un periodo di austerità che ha lasciato ricordi dolorosi in molti britannici.

In questo contesto, Ed Davey è stato Segretario di Stato delle Poste e oggi viene criticato per non aver fatto nulla per impedire lo scandalo di centinaia di capi di agenzie postali accusati ingiustamente di frode a causa del “software difettoso”.

Hai in mente un progetto immobiliare? Yakeey e Médias24 ti aiutano a realizzarlo!

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie