Gli aiuti umanitari degli Stati Uniti alla Siria ammontano a quasi 600 milioni di dollari

Gli aiuti umanitari degli Stati Uniti alla Siria ammontano a quasi 600 milioni di dollari
Gli aiuti umanitari degli Stati Uniti alla Siria ammontano a quasi 600 milioni di dollari
-

Lunedì gli Stati Uniti hanno annunciato 593 milioni di dollari in aiuti umanitari alla Siria.

L’annuncio è stato dato dall’amministratore dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), Samantha Power, durante l’ottava Conferenza di Bruxelles su come aiutare il futuro della Siria e dei Paesi della regione.

Questo annuncio porta il totale dell’assistenza umanitaria del governo degli Stati Uniti alla Siria e alla regione a quasi 2 miliardi di dollari dall’inizio dell’anno fiscale 2023 e a oltre 17,8 miliardi di dollari dall’inizio della crisi in questo paese, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano in un comunicato stampa .

“Gli aiuti annunciati a Bruxelles risponderanno ai bisogni umanitari generati dai livelli storici di sfollamento, con oltre 16,7 milioni di siriani bisognosi in Siria e quasi 6 milioni di rifugiati siriani nella regione”, ha affermato il portavoce.

Leggi anche: L’UNRWA lancia un appello per 415,4 milioni di dollari per i rifugiati palestinesi in Giordania, Libano e Siria

“Gli Stati Uniti restano impegnati ad aiutare il popolo siriano e incoraggiano gli altri donatori a continuare a sostenere i siriani che affrontano gravi sfide dovute ad anni di guerra, terrorismo e disastri naturali”, si legge nella nota.

La nuova assistenza statunitense, destinata a soddisfare le esigenze dei rifugiati più vulnerabili, degli sfollati interni e delle comunità ospitanti, comprende alloggi di emergenza, aiuti alimentari e accesso all’assistenza sanitaria e all’istruzione.

I bisogni umanitari in Siria, teatro di un conflitto che dura da 14 anni, hanno raggiunto livelli record, hanno affermato giovedì le Nazioni Unite.

Durante una riunione del Consiglio di Sicurezza sulla situazione in Siria, Ramesh Rajasingham dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha osservato che l’organizzazione internazionale e i suoi partner continuano a fornire assistenza fondamentale a milioni di persone in tutto il territorio siriano.

Tuttavia, ha ammesso che la capacità delle Nazioni Unite di agire a livello umanitario “viene gradualmente eroso da allarmanti tagli ai finanziamenti”.

Con MAPPA

-

PREV Putin e Kim hanno firmato un accordo di partenariato strategico
NEXT Francia: Darmanin vuole lo scioglimento di un gruppo di estrema destra