Ancora in corso il raid israeliano a Jenin, 11 morti

Ancora in corso il raid israeliano a Jenin, 11 morti
Ancora in corso il raid israeliano a Jenin, 11 morti
-

Mercoledì la Russia ha rivendicato la cattura di Klichtchiïvka, nell’Ucraina orientale. È stata una delle poche località riconquistata dall’esercito ucraino durante l’offensiva dell’estate 2023, che alla fine fallì.

Dopo questo fallimento le forze ucraine sono sulla difensiva e mancano di soldati e di armi, una situazione accentuata dai molteplici ritardi negli aiuti militari promessi dall’Occidente, compresi gli americani.

Al contrario, le truppe russe hanno ripreso l’iniziativa e stanno avanzando lentamente sul fronte orientale, dove hanno registrato successi tattici e catturato una serie di località, in particolare la città fortezza di Avdiïvka, nel mese di FEBBRAIO.

Nessuna svolta

Questo progresso, a costo di pesanti perdite, non ha tuttavia permesso loro, per il momento, di ottenere un vero passo avanti.

È in questa dinamica che la Russia ha annunciato mercoledì di aver conquistato il villaggio di Klichtchiïvka situato nella regione di Donetsk a circa 5 km a sud di Bakhmout, una cittadina distrutta dai combattimenti e caduta nelle mani dei russi nel maggio 2023 dopo dieci battaglia del mese.

“Le unità del gruppo meridionale, dopo operazioni attive, hanno liberato l’insediamento di Klichchiivka”, ha affermato il ministero della Difesa russo nel suo rapporto quotidiano.

Kiev aveva annunciato la riconquista di questo villaggio nel settembre 2023, durante la sua grande offensiva estiva destinata a spingere il fronte verso est e verso sud, con l’aiuto delle armi occidentali, ma che si è schiantata contro le difese russe.

Il 15 maggio Mosca ha anche affermato di aver riconquistato, nel sud, Robotyné, una città – completamente distrutta – simbolica perché era stata anche una delle poche ad essere stata rapita durante questa offensiva.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha sottolineato martedì sera che i combattimenti difficili si stanno svolgendo soprattutto nella regione di Donetsk.

La situazione nel “settore di Pokrovsk e in altri settori della regione di Donetsk – Kramatorsk, Kurakhové – rimane estremamente difficile, la maggior parte dei combattimenti si svolge attualmente lì”, ha affermato.

Nuovo sciopero a Kharkiv

L’indebolito esercito ucraino deve inoltre far fronte, dal 10 maggio, all’offensiva russa nella regione di Kharkiv (nord-est), dove ha dovuto inviare preziosi rinforzi.

Mercoledì, un attacco di droni contro un’auto della polizia “in viaggio per salvare civili” ha causato, secondo Kiev, la morte di un agente di polizia ucraino mentre un altro è rimasto ferito a Vovchansk, città al centro degli scontri in questa zona.

La sera prima Volodymyr Zelenskyj aveva affermato che l’esercito ucraino aveva ottenuto “risultati tangibili” di fronte a questa offensiva, anche se i combattimenti continuavano.

In precedenza, aveva detto che potrebbe essere la “prima ondata” di un’offensiva più ampia, per conquistare, tra l’altro, Kharkiv.

Mercoledì uno sciopero in questa città, il secondo in Ucraina, ha provocato almeno dieci feriti, ha riferito nel primo pomeriggio il governatore regionale Oleg Synegoubov. Il sindaco Igor Terekhov ha affermato che il quartiere Shevchenkivsky, nel nord della città, è stato colpito.

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato la scorsa settimana che l’obiettivo di questa offensiva è quello di creare una “zona cuscinetto” nel territorio ucraino per porre fine agli attacchi sulle zone di confine con la Russia, che l’Ucraina effettua in risposta ai bombardamenti delle masse che lo piangono per più di due anni.

Frammenti di droni

Mercoledì un uomo è stato ucciso e due persone sono rimaste ferite dalle schegge dei droni ucraini abbattuti in una di queste zone, nella regione di Belgorod, secondo il governatore Vyacheslav Gladkov.

Separatamente, una persona è morta e altre due sono rimaste ferite a Lysychansk, nella regione orientale di Lugansk, in seguito a sparatorie da parte delle forze armate ucraine, secondo una fonte dei servizi di emergenza, citata dall’agenzia di sicurezza russa TASS.

La città di Lysychansk è stata conquistata nei primi mesi dell’invasione, nella primavera del 2022, da parte dell’esercito russo. Martedì ha detto di aver catturato un villaggio vicino, Bilogorivka.

Questo articolo è stato pubblicato automaticamente. Fonti: ats/afp

-

PREV perché le grandi fortune stanno lasciando il paese…
NEXT Un candidato municipale assassinato in Messico, più di venti in totale