Vicino all’Ucraina | La Russia lancia esercitazioni che coinvolgono armi nucleari tattiche

-

(Moscou) L’armée russe a annoncé mardi avoir débuté près de l’Ukraine des exercices militaires sur l’utilisation d’armes nucléaires tactiques, ordonnés début mai par le président Vladimir Poutine, en assurant qu’il s’agissait d’une réponse aux « menaces » occidentales.


Publié à 12h06

« La première étape des exercices […] sulla preparazione e l’uso di armi nucleari non strategiche è iniziato”, ha affermato in una nota il ministero della Difesa russo.

Lui ha precisato che queste manovre si svolgono nel distretto militare meridionale, situato vicino all’Ucraina e che comprende le regioni ucraine di cui Mosca rivendica l’annessione.

Secondo il ministero, in questa fase i soldati russi si addestrano a caricare “munizioni speciali” nelle batterie di missili Iskander, ma anche a spostarle “in modo nascosto” nelle zone di tiro.

Secondo il Ministero della Difesa russo, queste esercitazioni coinvolgono anche l’aviazione e i missili ipersonici Kinjal.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO DEL MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO, FORNITA A REUTERS

Veicoli militari russi, 21 maggio

“L’attuale esercitazione mira a mantenere la prontezza del personale e delle attrezzature […] l’uso di armi nucleari non strategiche per rispondere e garantire l’integrità territoriale e la sovranità dello Stato russo in risposta […] alle minacce di alcuni funzionari occidentali”, ha detto il ministero.

Ha trasmesso, senza fornire ulteriori dettagli sul luogo delle esercitazioni, immagini che mostrano due sistemi Iskander schierati in un campo e soldati che lavorano su un aeroporto attorno a un bombardiere.

L’arma nucleare tattica, con una carica esplosiva più piccola dell’arma nucleare strategica, è teoricamente destinata a distruggere obiettivi sul campo di battaglia e può essere lanciata da veicoli, pezzi di artiglieria, navi o aerei.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato che queste esercitazioni si svolgessero all’inizio di maggio, in risposta, secondo il Cremlino, alle minacce occidentali, in particolare alla possibilità, avanzata dal presidente francese Emmanuel Macron, di inviare truppe in Ucraina.

Dall’inizio del conflitto in Ucraina nel febbraio 2022, il presidente ha parlato apertamente e freddamente di un possibile utilizzo di armi nucleari.

La Russia ha schierato armi nucleari tattiche nell’estate del 2023 in Bielorussia, il suo più stretto alleato, che a maggio ha anche annunciato un’esercitazione sincronizzata con Mosca per controllare i suoi lanciatori di armi nucleari tattiche.

La dottrina nucleare russa prevede un uso “strettamente difensivo” delle armi atomiche, in caso di attacco alla Russia con armi di distruzione di massa o in caso di aggressione con armi convenzionali “minacciando l’esistenza stessa dello Stato”.

-

NEXT Un candidato municipale assassinato in Messico, più di venti in totale