Italia…un grave incidente stradale costa la vita a un giovane marocchino

Italia…un grave incidente stradale costa la vita a un giovane marocchino
Italia…un grave incidente stradale costa la vita a un giovane marocchino
-

Abdel Latif El-Baz – Heba Press

Un giovane marocchino in bicicletta è morto tra la strada costiera che collega la città di Salerno e il fiume Littorania, nella provincia meridionale di Eboli, per ferite alla testa in seguito a un grave incidente stradale.

L’incidente è stato causato dalla collisione di un’auto leggera che viaggiava nella stessa direzione con una bicicletta guidata dal defunto, che ha esalato l’ultimo respiro sul luogo dell’incidente.
Fonti locali hanno rivelato a Heba Press che il defunto, chiamato “QA”, aveva 36 anni e stava tornando a casa in bicicletta, quando un’auto leggera che viaggiava a folle velocità lo ha sorpreso facendolo cadere a terra. , un corpo senza vita, conseguenza delle gravi ferite alla testa. Immédiatement après l’accident, le conducteur de la voiture a pris la fuite vers une destination inconnue, avant que les agents de sécurité n’arrivent sur les lieux et n’ouvrent une enquête sur l’accident grâce aux caméras de surveillance présentes sur les luoghi.

Le stesse fonti aggiungono che le ricerche tecniche e le indagini sul campo effettuate nel caso di specie hanno consentito di identificare l’indagato e di arrestarlo, oltre a depositare l’auto usata presso il locale sequestro per il reato di fuga e inganno alla giustizia mediante occultamento del dettagli del caso. incidente. La salma del defunto è stata trasferita all’obitorio di Eboli con l’obiettivo di sottoporla ad autopsia medica, mentre sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta per accertare le circostanze dell’accaduto, su indicazione della Procura generale della Repubblica.

L’incidente ha causato grande shock tra la famiglia e gli amici della vittima, che non si aspettavano questa dolorosa perdita che è accaduta loro.

-

PREV ritorno alla loro riunione
NEXT Von der Leyen promette di costruire “un bastione” contro gli estremi