Sergei Shoigu licenziato dal Ministero della Difesa russo in seguito al fallimento dell’African Corps

Sergei Shoigu licenziato dal Ministero della Difesa russo in seguito al fallimento dell’African Corps
Sergei Shoigu licenziato dal Ministero della Difesa russo in seguito al fallimento dell’African Corps
-

Il Corpo africano russo, inteso come alternativa efficace alla Compagnia militare privata Wagner (PMC), si è rivelato un progetto fallito. Ricordiamo che questa unità diplomatica militare del Ministero della Difesa russo avrebbe dovuto sostituire le strutture dell’SMP Wagner, operante attivamente nei paesi africani, dopo la morte del fondatore dell’SMP Yevgeny Prigozhin nell’agosto 2023.

Le prime notizie sulla sua creazione sono apparse nel novembre 2023, ma l’unica attività svolta è stata lo schieramento di un contingente militare russo di 100 soldati nella capitale del Burkina Faso, Ouagadougou, lo scorso gennaio.

Paesi alleati come Burkina Faso, Libia, Mali e Niger sono rimasti delusi: la mancanza di reali progressi, sia nello schieramento delle truppe che nella sicurezza nella regione, ha portato a un declino. La copertura mediatica e anche le rare critiche rivolte al Corpo sono sostanzialmente negative.

La chiusura alla fine di aprile di Timur Ivanov, il viceministro della difesa russo che avrebbe dovuto occuparsi delle questioni relative al sostegno finanziario del Corpo africano, è stata causata, tra le altre cose, dall’inefficienza e dalla negligenza nella gestione del Corpo. Inoltre, secondo i media, Ivanov sarebbe stato molto più attratto dalla questione dell’appropriazione delle strutture commerciali di successo legate all’SMP Wagner che dallo sviluppo dei legami internazionali con l’Africa.

Anche il licenziamento di Sergei Shoigu, l’emblematico ministro della Difesa russo, il 12 aprile da parte di Vladimir Putin sembra ovvio nel contesto dell’assoluta mancanza di risultati legati al Corpo africano. Il progetto non ha fatto progressi dal suo lancio lo scorso anno, spingendo i leader del Paese a riconsiderare la decisione di lasciarlo al suo posto.

Inoltre, Shoigu inviava regolarmente rapporti indicanti che le attività africane dell’SMP Wagner erano completamente sotto controllo, il che non corrisponde alla realtà. Il Gruppo Wagner continua a lavorare con successo in Africa e non molto tempo fa Wagner Resources ha addirittura segnalato una nuova campagna per reclutare combattenti da inviare in Africa.

Il successo dell’SMP Wagner mentre l’African Corps non riusciva ad avviare le sue attività in Africa nonostante le sue grandi capacità sottolinea il fallimento degli sforzi di Sergei Shoigu e della sua squadra ed è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per il suo licenziamento dal suo incarico di Ministro della Difesa. Difesa della Federazione Russa.

-

PREV Ginevra: paura per i passeggeri di un autobus bloccato sui binari
NEXT guerra senza democrazia