L’ONU deplora la legge georgiana sull’influenza straniera

L’ONU deplora la legge georgiana sull’influenza straniera
L’ONU deplora la legge georgiana sull’influenza straniera
-

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk vuole indagini rapide sull’uso della forza contro i manifestanti (archivio).

Foto: KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

L’ONU deplora l’approvazione, martedì, della legge georgiana sull’influenza straniera che regolerà il funzionamento delle ONG e dei media. Ciò mette a repentaglio le libertà fondamentali, ha affermato mercoledì a Ginevra l’Alto commissario per i diritti umani Volker Türk.

“Le autorità e i legislatori hanno scelto di non ascoltare i numerosi avvertimenti dei difensori dei diritti umani e delle organizzazioni della società civile”, ha affermato l’austriaco. Teme un effetto “significativo” sulle libertà.

Tutte le istituzioni che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti da fondi esteri saranno ora considerate “operanti nell’interesse di una potenza straniera”. Devono essere registrati con questo riferimento.

Queste organizzazioni si esporranno allo “stigma” e alla sfiducia, o addirittura all’ostilità, ha aggiunto Türk. Potrebbero essere costretti a ridurre le loro attività.

L’Alto Commissario chiede ancora una volta l’abbandono di questa legislazione e chiede alle autorità di instaurare un dialogo con la società civile e i difensori dei diritti umani. Chiede inoltre indagini “rapide” sulle accuse di uso eccessivo della forza contro i manifestanti che hanno denunciato la proposta di legge nelle ultime settimane.

/ATS

-

PREV Tre turisti spagnoli uccisi a colpi di arma da fuoco in Afghanistan
NEXT Stati Uniti: l’aggressore del marito di Nancy Pelosi andrà in prigione