nessun “genocidio” nella Striscia di Gaza secondo Washington, che esorta Israele a fare di più per risparmiare i civili

nessun “genocidio” nella Striscia di Gaza secondo Washington, che esorta Israele a fare di più per risparmiare i civili
nessun “genocidio” nella Striscia di Gaza secondo Washington, che esorta Israele a fare di più per risparmiare i civili
-

L’ONU fatica a spiegare la revisione del numero di donne e bambini uccisi a Gaza

Un portavoce delle Nazioni Unite ha cercato lunedì di giustificare la revisione del numero di bambini e donne uccisi nella Striscia di Gaza, che l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha quasi dimezzato tra il 6 e l’8 maggio.

Nella sua infografica del 6 maggio, l’OCHA ha riferito di 14.500 bambini e 9.500 donne uccisi dal 7 ottobre nell’enclave. L’8 queste cifre erano salite rispettivamente a 7.797 e 4.959. Il numero totale dei morti, invece, variava di poco, ma nell’infografica dell’8 maggio l’organizzazione precisa che avrebbero potuto essere identificati 24.686 corpi.

Interrogato su questa revisione, Farhan Aziz Haq, portavoce dell’ONU, ha dichiarato che i rapporti sono stati elaborati sulla base dei dati del Ministero della Salute dell’enclave amministrata da Hamas e che potrebbero variare “a seconda del processo di verifica che intraprende”.

“Le squadre delle Nazioni Unite sul campo non sono in grado di verificare in modo indipendente queste cifre data la situazione sul campo e l’elevato numero di morti. Questo è il motivo per cui tutti i dati utilizzati dalle Nazioni Unite citano chiaramente come fonte il Ministero della Sanità di Gaza.Ha aggiunto.

In una nota a piè di pagina, l’OCHA spiega che le cifre citate sono state fornite dal Ministero della Salute o dal servizio stampa dell’amministrazione dell’enclave e non sono state verificate.

Reagire https://twitter.com/israel_katz/status/1790052928457232504?s=46&t=2iDLNzrDSqUgcfz1kKoAsQ Dopo aver esaminato i risultati, il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha chiesto le dimissioni del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. “ Chiunque faccia affidamento su dati falsi provenienti da un’organizzazione terroristica per promuovere diffamazioni contro Israele è antisemita e sostiene il terrorismo”.lui scrive.

-

PREV In Tunisia, Sonia Dahmani, avvocato ed editorialista, bersaglio di un arresto pesante
NEXT Una bambina vende limonata per pagare la tomba della madre, il seguito è ancora più sconvolgente