“Spero con tutte le mie forze che non dovremo andare in guerra”, dice Macron

“Spero con tutte le mie forze che non dovremo andare in guerra”, dice Macron
“Spero con tutte le mie forze che non dovremo andare in guerra”, dice Macron
-

Emmanuel Macron moltiplica i suoi commenti sull’Ucraina. In https://twitter.com/EmmanuelMacron/status/1789274255412129805 sui social il Presidente della Repubblica ha risposto alle domande dei suoi iscritti. Uno di loro gli chiede se la Francia sarà coinvolta nel conflitto tra Ucraina e Russia. “No, spero con tutte le mie forze che non dovremo andare in guerra”, dice il capo dello Stato. Ma “L’Ucraina è stata attaccata dalla Russia e, ad un certo punto, dovremo essere in grado di dissuadere la Russia dal continuare ad avanzare”, Aggiunge. Per Emmanuel Macron, in questa guerra “Sono in gioco la sovranità e l’integrità del territorio [de l’Ukraine], ma anche lo Stato di diritto, le nostre regole comuni, e se lasciamo che ciò accada in Ucraina, è la legge del più forte. »

Per contrastare l’espansione della Russia ritiene necessario coinvolgere altri Paesi del continente. “Va anche detto che tutti noi europei dobbiamo essere pronti ad agire per dissuaderli”spiega il Presidente. “Dobbiamo essere dissuasivi e credibili nei confronti dei nostri avversari, dicendo loro: “Se andate troppo oltre e minacciate i miei interessi, la mia sicurezza, allora non escludo di intervenire”. […] La Francia non è una potenza di guerra, ma una potenza di pace. Ma sì, se vogliamo avere la pace, dobbiamo proteggerla”ha insistito Emmanuel Macron.

Il resto dopo questo annuncio

Negli ultimi mesi il capo dello Stato ha ripetutamente affermato che sta valutando la possibilità di inviare truppe sul suolo ucraino. Prima il 26 febbraio, poi il 2 maggio, in un’intervista al settimanale britannico L’economista. Emmanuel Macron ha dichiarato: “Se i russi dovessero sfondare in prima linea, se ci fosse una richiesta ucraina – cosa che oggi non avviene – dovremmo legittimamente porci la domanda. »

-

PREV Installazioni petrolifere russe, l’altro fronte della guerra in Ucraina
NEXT L’alligatore: una madre feroce