in Ucraina, l’intelligence russa è ancora ben informata

in Ucraina, l’intelligence russa è ancora ben informata
in Ucraina, l’intelligence russa è ancora ben informata
-

L’annuncio non è arrivato a sorpresa: con un laconico decreto, la presidenza ucraina ha annunciato il 9 maggio la destituzione del capo del dipartimento per la protezione dello Stato, un’istituzione discreta incaricata di monitorare la sicurezza delle figure più alte del potere ucraino, il presidente Volodymyr Zelenskyj incluso. Nessuna sorpresa, perché l’annuncio è arrivato due giorni dopo un altro, ben più clamoroso: quello dell’arresto, sabato scorso, di due colonnelli del dipartimento accusati di aver preparato attentati contro anche Volodymyr Zelensky, capo dell’intelligence militare nei panni del capo del potente Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU), Vasyl Maliouk.

Reclutati dall’FSB, il principale servizio di sicurezza russo, prima dell’inizio dell’invasione russa, i due uomini sarebbero stati responsabili di “ cercate dei carnefici all’interno dell’esercito vicino alla protezione del presidente, che avrebbero potuto prendere in ostaggio il capo dello Stato prima di ucciderlo”, ha affermato la SBU in un comunicato. Secondo l’agenzia, facevano parte di una più ampia rete di intelligence russa.

Senza discutere del complotto contro il presidente ucraino, l’SBU ha invece descritto dettagliatamente il previsto tentativo di omicidio contro Kyrilo Budanov, estratti delle conversazioni tra gli agenti arrestati e i loro ufficiali di supporto. Il popolarissimo capo dell’intelligence militare doveva, secondo la SBU, essere ucciso prima di Pasqua: un primo attacco missilistico avrebbe colpito la casa dove si trovava il tenente generale, poi un agente reclutato dall’FSB e situato nelle vicinanze avrebbe schierato un kamikaze drone per uccidere eventuali sopravvissuti, prima che un secondo attacco missilistico cancelli le tracce. “ Questo farà un panino: missile, uccello (drone, ndr), missile”, ha riassunto in una registrazione una voce identificata dalla SBU come appartenente a Dmitri Perline, uno degli addetti all’assistenza dell’FSB.

Le spie russe sono scivolate attraverso le fessure

L’attacco “doveva servire da regalo a Putin per il suo nuovo insediamento”, ha assicurato il capo della SBU, Vasyl Maliouk. Il suo fallimento sarebbe solo l’ultimo di una lunga serie di attentati contro i leader politici e militari dell’apparato statale ucraino: il mese scorso e nell’agosto 2023, la SBU ha annunciato l’arresto di persone accusate di aver preparato un simile attentato, mentre il governo di Kyrilo Boudanov La moglie è stata ricoverata in ospedale lo scorso novembre dopo un tentato avvelenamento.

Ma in Ucraina la vicenda riporta sul tavolo anche il tema delle infiltrazioni dei servizi segreti russi nei vari centri del potere ucraino. La titanica SBU, dove prima della guerra lavoravano quasi 30.000 persone, aveva la reputazione di essere infiltrata da spie russe, al punto da spingere il servizio a creare, dopo il 2014, un dipartimento speciale e compartimentato per collaborare con la CIA. Lo era, ha raccontato il Washington Post in una lunga inchiesta pubblicata in ottobre, per rassicurare i servizi americani riluttanti a vedere le loro informazioni inviate a Mosca. E se da allora l’SBU e altri servizi ucraini hanno subito numerose epurazioni, alcune spie sono riuscite a sfuggire: uno dei due colonnelli arrestati dall’SBU sabato scorso ha dichiarato di essere stato spia per Mosca per dieci lunghi anni.

-

PREV La Corea del Nord dispiegherà un nuovo lanciarazzi con “potere distruttivo” nel 2024
NEXT Il Senato nigeriano propone la pena di morte per traffico di droga