Russia: sette morti dopo la caduta di un autobus nel fiume a San Pietroburgo

-

Sette persone sono morte venerdì quando un autobus che trasportava una ventina di passeggeri è caduto accidentalmente in un fiume nel cuore di San Pietroburgo, la seconda città della Russia, secondo un nuovo rapporto delle autorità.

• Leggi anche: La Russia ha lanciato un’offensiva di terra nella regione di Kharkiv

• Leggi anche: Le forze nucleari russe sono “sempre” pronte al combattimento, avverte Putin

“Il numero delle persone morte a causa della caduta di un autobus nel fiume Moyka è salito a sette”, ha detto venerdì sera il comitato investigativo russo, indicando che era stata aperta un’indagine penale.

Il Ministero russo per le situazioni di emergenza aveva precedentemente segnalato tre morti, quattro persone “in stato di morte clinica” e due gravemente ferite, menzionando, su Telegram, un “incidente stradale”.

Secondo il ministero, le operazioni di salvataggio subacqueo sono state completate a metà pomeriggio, con gli specialisti che hanno assicurato le cinghie per sollevare il veicolo fuori dall’acqua.


AFP

Secondo la polizia locale, l’autobus si è schiantato contro la barriera di un ponte sul fiume Moika, nel centro di San Pietroburgo, mentre a bordo c’erano circa 20 persone.


AFP

Le immagini della videosorveglianza, trasmesse da diversi media russi, mostrano che il veicolo effettua una svolta, urta un’auto, poi si schianta contro la barriera del ponte e poi affonda ripidamente in pochi secondi.

-

PREV Impossibilitati a diventare membri delle Nazioni Unite, i palestinesi si appellano all’Assemblea Generale
NEXT All’ONU, gli stati membri votano simbolicamente a favore dell’adesione dei palestinesi