Hamas e le delegazioni israeliane lasciano il Cairo

Hamas e le delegazioni israeliane lasciano il Cairo
Hamas e le delegazioni israeliane lasciano il Cairo
-

Di Le Figaro con l’AFP

Pubblicato
4 ore fa,

Aggiornamento 50 minuti fa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

AGGIORNAMENTO SULLA SITUAZIONE – Gli sforzi dell’Egitto e di altri paesi mediatori, vale a dire il Qatar e gli Stati Uniti, continuano ad avvicinare i punti di vista delle due parti.

Hamas e le delegazioni israeliane lasciano il Cairo. Washington pronta a sospendere le consegne di alcune armi. Israele crede “molto deludente” La minaccia di Biden. Le Figaro farà il punto questo giovedì 9 maggio.

Hamas e delegazioni israeliane lasciano il Cairo, la mediazione “continua”

I rappresentanti palestinesi di Hamas e di Israele hanno lasciato il Cairo “dopo due giorni di trattative” mirava a ottenere una tregua nella guerra in corso a Gaza da sette mesi, ha riferito giovedì il quotidiano Al-Qahera News, vicino all’intelligence egiziana.

Gli sforzi dell’Egitto e di altri paesi mediatori, vale a dire il Qatar e gli Stati Uniti, “continuare a riunire i punti di vista dei due partiti”ha aggiunto Al-Qahera News, citando una fonte egiziana di alto livello.

Washington pronta a sospendere le consegne di alcune armi

Il principale sostenitore militare di Israele, Washington, attraverso Joe Biden, ha annunciato mercoledì che sospenderà le consegne di alcune armi al suo storico alleato se l’esercito israeliano entrerà a Rafah. Insieme al Qatar e all’Egitto, stanno mediando gli Stati Uniti che da mesi cercano di convincere Israele e Hamas a concludere una tregua intesa a consentire in particolare la pausa nella guerra e il rilascio dei detenuti palestinesi dalle carceri israeliane contro gli ostaggi rapiti da Hamas durante il sanguinoso attacco nel sud di Israele il 7 ottobre. I negoziati indiretti sono ripresi mercoledì al Cairo per cercare di raggiungere un compromesso ed evitare l’annunciato assalto a Rafah.

Israele considera la minaccia di Biden “molto deludente”

Lo ha detto giovedì l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite «difficile da ascoltare e molto deludente» la minaccia del presidente americano Joe Biden di bloccare la consegna di alcune armi a Israele in caso di una grande offensiva a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. “Questa è una dichiarazione molto dura e deludente da sentire da parte di un presidente al quale siamo grati dall’inizio della guerra”ha detto Gilad Erdan alla radio pubblica israeliana. “È abbastanza chiaro che qualsiasi pressione su Israele, qualsiasi restrizione impostagli, anche da parte di alleati stretti preoccupati per i nostri interessi, viene interpretata dai nostri nemici” E “dà loro speranza”Ha aggiunto.

Il ministero della Salute di Hamas annuncia il nuovo bilancio delle vittime di 34.904

Il ministero della Sanità di Hamas ha annunciato giovedì un nuovo bilancio delle vittime di 34.904 nella Striscia di Gaza dall’inizio della guerra tra Israele e il movimento islamico palestinese il 7 ottobre. In 24 ore sono stati registrati almeno altri 60 morti, secondo un comunicato stampa del ministero che parla di 78.514 feriti in sette mesi di guerra.

-

PREV La Spagna fornirà all’Ucraina armi per un valore record di 1,129 miliardi di euro
NEXT Guerra a Gaza: Binyamin Netanyahu considera l’attacco a Rafah un “tragico incidente”