Tocca ai genitori assumersi le proprie responsabilità!

Tocca ai genitori assumersi le proprie responsabilità!
Tocca ai genitori assumersi le proprie responsabilità!
-

Gli schermi per i giovani sono diventati una questione politica, soprattutto grazie al Parti Québécois. Ovviamente gli studi parlano chiaro: gli schermi sono dannosi per lo sviluppo dei giovani. Promuovono uno stile di vita sedentario, danneggiano la creatività e creano dipendenza se il loro uso è incontrollato.

Tuttavia, è impossibile eliminare gli schermi dalla nostra società, perché sono onnipresenti in tutte le sfere della nostra vita. Che si tratti di comunicare, lavorare o apprendere, gli schermi sono essenziali. Quindi, invece di parlare solo dei pericoli degli schermi, non dovremmo insegnare ai nostri giovani a trarne vantaggio in modo intelligente, invece di passare molto tempo sui social network?

Tutto dipende dall’uso.

  • Ascolta l’incontro politico con Yasmine Abdelfadel e Marc-André Leclerc via QUB :

Leggere su un tablet, usarlo per apprendere nuove competenze, scoprire una passione, svolgere attività digitali arricchenti ed educare i bambini sui pericoli del cyberbullismo, della criminalità informatica e della pedofilia informatica sono tutte opzioni da considerare. Divieti e divieti sono raramente efficaci. L’educazione e la consapevolezza sono le chiavi del successo a lungo termine, e questa è responsabilità dei genitori, non del governo.

È troppo chiedere ai genitori di prendersi cura dei propri figli, di monitorare gentilmente ciò che fanno, quanto tempo trascorrono davanti allo schermo e di fidarsi di loro?

Bevande frizzanti

Prendiamo l’esempio delle bibite: qualche decennio fa i genitori le compravano ai figli senza fare domande, quasi automaticamente. Oggi sono pochi i genitori che permettono ai propri figli di consumarlo, e chi lo fa pubblicamente viene spesso criticato. La società ha capito che queste bevande non sono salutari, soprattutto per i bambini, e i genitori si sono assunti la responsabilità della maggioranza.

Romanzo – stock.adobe.com

Nessuno aveva bisogno di chiedere ai genitori di dimostrare la propria età alla cassa per acquistare queste bevande, e il governo non doveva legiferare al riguardo.

Ogni volta che i nostri leader interferiscono nell’educazione dei bambini, la responsabilità genitoriale viene messa da parte. No, lo Stato non deve vietare l’uso degli schermi, insegnare ai bambini a lavarsi i denti o fissare l’età per l’uso dei social network. Lo Stato deve rispettare la potestà genitoriale e favorire l’adozione di stili di vita sani.

-

PREV un villaggio di 300 anni riappare nel mezzo di un lago prosciugato
NEXT [Vos questions] RCA: François Bozizé presto estradato?