La vendita di droni avanzati SeaGuardian al Marocco sarà presto esaminata dal Congresso degli Stati Uniti

La vendita di droni avanzati SeaGuardian al Marocco sarà presto esaminata dal Congresso degli Stati Uniti
La vendita di droni avanzati SeaGuardian al Marocco sarà presto esaminata dal Congresso degli Stati Uniti
-

Novità nella vendita di droni avanzati SeaGuardian al Marocco, la cui proposta di contratto è stata annunciata dall’amministrazione Trump il 10 dicembre 2020, lo stesso giorno del riconoscimento da parte degli Stati Uniti della natura marocchina del Sahara. Secondo la stampa spagnola, l’accordo verrà discusso con i membri del Congresso americano nei prossimi giorni.

Il Dipartimento di Stato americano ha già autorizzato la vendita di queste armi al Marocco. In linea di principio verrebbero acquistate quattro unità», aggiunge la stessa fonte.

Leggi anche: Industria militare: come il Marocco è diventato una potenza africana nel campo dei droni

I quattro droni MQ-9B SeaGuardian prodotti da General Atomics hanno un’autonomia di 6.000 miglia nautiche (11.100 km) e potrebbero monitorare vaste distese di mare e deserto, ha spiegato tre anni fa Reuters, che all’epoca rivelò la bozza di contratto esclusivo, citando tre Fonti americane vicine alle trattative.

SeaGuardian è progettato per sorvolare l’orizzonte via satellite per più di 30 ore (a seconda della configurazione) in tutti i tipi di condizioni meteorologiche e integrarsi in modo sicuro nello spazio aereo civile, consentendo alle forze congiunte e alle autorità civili di fornire consapevolezza situazionale in tempo reale ovunque nel mare dominio, dice General Atomics.

Leggi anche: In Marocco, una fabbrica di produzione di droni militari vedrà presto la luce

E l’azienda della difesa americana ha continuato: “Questo velivolo da pattugliamento e ricognizione marittimo altamente versatile può integrare perfettamente un radar marittimo ad ampio raggio, un sistema di identificazione automatica, misure di supporto elettronico e un kit di missione autonomo per la guerra antisommergibile (ASW).).»

-

PREV Il bilancio delle vittime sale a 27, tra cui quattro bambini, dopo l’incendio in un parco divertimenti
NEXT L’ONU stima a 670 il bilancio delle vittime della frana in Papua Nuova Guinea