Messico: surfisti scomparsi ritrovati con proiettili in testa

Messico: surfisti scomparsi ritrovati con proiettili in testa
Messico: surfisti scomparsi ritrovati con proiettili in testa
-

LPresume che i corpi di due surfisti australiani e di un surfista americano, scomparsi in Messico, siano stati ritrovati con una pallottola in testa, hanno annunciato domenica i pubblici ministeri messicani, mentre le loro famiglie erano a disposizione per identificarli.

“Hanno tutti un buco in testa prodotto da un proiettile di pistola”, ha detto il pubblico ministero Maria Elena Andrade.

Una delle piste preferite dagli investigatori è quella di un tentativo di furto del pick-up dei turisti, apparentemente andato male. Il veicolo è stato ritrovato bruciato non lontano dai corpi dei due fratelli australiani, Jake e Callum Robinson, e dell’americano Jack Carter, appassionati di surf, visti l’ultima volta il 27 aprile.

L’ufficio di polizia federale degli Stati Uniti a San Diego, nel sud-ovest della California, ha annunciato in precedenza che “tre persone decedute” erano state “trovate a Santo Tomas, nella Bassa California”, senza rivelare l’identità delle vittime. Santo Tomas si trova a circa 45 chilometri a sud-est di Ensenada, in una regione del Messico segnata dalla violenza dei cartelli della droga.

Giovedì, le autorità della Bassa California hanno riferito che tre messicani erano stati arrestati e interrogati in relazione a queste sparizioni.

-

PREV Varsavia acquista dagli Stati Uniti missili con una gittata di 1.000 chilometri
NEXT “Non porterò ancora le mie mucche a pascolare altrove”