La Russia inserisce Zelenskyj nella lista dei ricercati | Guerra in Ucraina

La Russia inserisce Zelenskyj nella lista dei ricercati | Guerra in Ucraina
La Russia inserisce Zelenskyj nella lista dei ricercati | Guerra in Ucraina
-

La Russia ha lanciato un avviso di ricerca contro il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, senza renderne pubbliche le motivazioni, secondo un avviso visibile sabato sul sito del Ministero degli Interni, annuncio che Kiev ha ritenuto “senza valore”.

Il leader è ricercato ai sensi di un articolo del codice penalesi legge in questo breve testo, che non dice altro sulla natura di queste accuse.

Dal febbraio 2022 la Russia conduce un’offensiva contro l’Ucraina, che presenta in particolare come una lotta contro una potenza nazista.

Volodymyr Zelenskyj è particolarmente preso di mira dai funzionari russi. Il giorno dopo aver lanciato il suo assalto, il presidente russo Vladimir Putin ha invitato l’esercito ucraino a rovesciarlo.

Il Ministero degli Esteri ucraino ha affermato che l’avviso di ricerca contro Zelenskyj lo dimostra disperazione della propaganda e della macchina statale russa, che non sa più cosa inventare per attirare l’attenzione.

Il ministero ha ricordato che lo stesso Vladimir Putin era oggetto di un mandato d’arresto emesso dalla Corte penale internazionale (CPI). deportazione presunte migliaia di bambini ucraini in Russia.

Questo mandato è verocontrario a annunci russi senza valorestima la diplomazia ucraina.

Secondo il database russo, sono stati emessi avvisi di ricerca anche contro il comandante delle forze di terra di Kiev, Oleksandr Pavliuk, e l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Anche l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko è sulla lista dei ricercati del Cremlino. (Foto d’archivio)

Foto: Reuters / Servizio stampa del governo ucraino

L’elenco delle persone ricercate dalla Russia è molto ampio e comprende personalità russe o straniere, in particolare ucraine.

A febbraio è stato aggiunto il nome del primo ministro estone Kaja Kallas, insieme a quelli di altri funzionari dei paesi baltici.

Per giustificare questa decisione, il Cremlino ha invocato la visione opposta della storia di Mosca e di questi Stati.

Questo è ciò che pensano gli Stati baltici, che temono le ambizioni militari del CremlinoURSS li hanno occupati, mentre Mosca si considera una liberatrice e giudica ogni altro approccio come una sconfitta falsificazione della storiaconsiderato un crimine in Russia.

-

PREV In Austria, la strategia radicale per le elezioni europee di Herbert Kickl e dell’FPÖ
NEXT Nuova Caledonia più tranquilla, ma quartieri da riconquistare