convocato l’incaricato d’affari dell’ambasciata americana a Ouagadougou

convocato l’incaricato d’affari dell’ambasciata americana a Ouagadougou
convocato l’incaricato d’affari dell’ambasciata americana a Ouagadougou
-

AA/Ouagadougou/Dramane Traoré

L’incaricato d’affari dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Burkina Faso, Eric P. Whitaker, è stato convocato giovedì sera dal Ministero degli Affari Esteri burkinabé, in seguito alla pubblicazione di una dichiarazione congiunta degli USA e del Regno Unito , riprendendo un rapporto della ONG Human Rights Watch (HRW) che accusava l’esercito burkinabè di aver massacrato 223 civili nel nord del Paese a febbraio, ha appreso Anadolu da fonti attendibili.

Eric P. Whitaker ha ricevuto una nota verbale contenente la reazione del governo burkinabè in merito alla dichiarazione congiunta, riferisce la Burkina Information Agency (AIB) aggiungendo che un’altra nota verbale è stata inviata all’Alta Commissione britannica in Burkina Faso con residenza in Accra, Ghana.

Secondo la stessa fonte, nei due documenti, il Burkina Faso si sorprende che gli Stati Uniti d’America e il Regno Unito, solitamente attaccati al rigore scientifico, reagiscano sulla base di un rapporto con “conclusioni affrettate”.

Il 29 aprile, i governi del Regno Unito e degli Stati Uniti hanno espresso in una dichiarazione congiunta di essere “gravemente preoccupati” per le notizie sui massacri di civili da parte delle forze militari burkinabè alla fine del mese di febbraio, citando Human Rights Watch. (HRW) rapporto.

“Chiediamo alle autorità di transizione di condurre un’indagine approfondita su questi massacri e di chiedere conto ai responsabili (…). Chiediamo a tutti gli attori in Burkina Faso di rispettare i diritti umani e di conformarsi al diritto umanitario internazionale dovrebbe essere”, hanno sottolineato.

Per questi due paesi, l’unica soluzione a lungo termine alla piaga del terrorismo è lo sviluppo di un buon governo basato sullo stato di diritto, sul rispetto dei diritti umani e sulla promozione della coesione sociale.

Il Consiglio Superiore della Comunicazione del Burkina Faso (CSC) ha sospeso una decina di media internazionali, tra cui la BBC britannica e le stazioni radio americane Voice of America (VOA), per aver pubblicato informazioni basate su questo rapporto della ONG HRW.

“Ci opponiamo fermamente alla sospensione dei media, come Voice of America (VOA) e BBC, al blocco del sito web di Human Rights Watch e alle restrizioni imposte a tutti i media di astenersi dal diffondere informazioni attraverso i loro articoli”, ha risposto. gli Stati Uniti d’America e il Regno Unito nella loro dichiarazione congiunta.

Sabato sera il governo del Burkina Faso ha respinto il rapporto della ONG Human Rights Watch (HRW), sottolineando che si tratta di una “campagna mediatica” volta a “screditare” le forze combattenti impegnate contro il terrorismo.

Le autorità burkinabè hanno inoltre ricordato che tali uccisioni hanno dato luogo all’apertura di un’indagine giudiziaria il 1° marzo 2024 da parte della Procura di Faso presso l’Alta Corte di Ouahigouya, nel nord del Paese.

Né il governo americano né quello britannico hanno ancora reagito a queste corrispondenze.

Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu trasmette ai suoi abbonati tramite il sistema di radiodiffusione interna (HAS) viene trasmessa in forma sintetica sul sito web dell’AA. Vi preghiamo di contattarci per iscrivervi.

-

PREV La Corte penale internazionale appoggiata dalla Francia dopo le requisizioni a Israele e Hamas
NEXT Kiev “ha urgentemente bisogno” di una maggiore difesa aerea, afferma la Germania