“Nessun regista voleva lavorare con me”, questa star del cinema era convinta che recitare in Star Wars avesse distrutto la sua carriera

“Nessun regista voleva lavorare con me”, questa star del cinema era convinta che recitare in Star Wars avesse distrutto la sua carriera
“Nessun regista voleva lavorare con me”, questa star del cinema era convinta che recitare in Star Wars avesse distrutto la sua carriera
-

Nel 1999, Georges Lucas ha consegnato al mondo Star Wars, Episodio I: La Minaccia Fantasma, prima parte di una nuova trilogia, o prelogia, che racconta le origini della prima, ma soprattutto le origini di Darth Vader. Nonostante alcuni difetti, i film sono un successo e l’entusiasmo per il franchise è ravvivato.

Un successo che avrebbe però anche un rovescio della medaglia, almeno secondo l’opinione di una delle attrici protagoniste. Per lei, Guerre stellari avrebbe potuto rovinargli la carriera.

“Nessuno mi prendeva più sul serio”.

Prima di giocare Guerre stellari e interpretando Padmé Amidala per 3 film, Natalie Portman aveva già grandi successi alle spalle. In Leone in particolare, un film di Luc Besson in cui condivide il poster con Jean Reno, ma anche in Marte attacca! di Tim Burton in cui interpreta la figlia del presidente. Con Guerre stellari, la sua carriera assume una nuova dimensione internazionale. E ancora, Secondo lei, aver recitato in uno degli universi cinematografici più popolari e duraturi non ha solo portato dei benefici.

Dopo Guerre stellarile offerte di ruoli interessanti sono diventate rare, che l’attrice attribuisce al ruolo di Padmé Amidala. Per lei nessuno la prendeva più sul serio.

Star Wars uscì all’epoca di Seagull e tutti pensavano che fossi un’attrice pessima. Ho recitato nel film di maggior incasso del decennio e nessun regista voleva lavorare con me

Fortunatamente per lei, un regista credeva ancora in lei: Mike Nichols. Quest’ultimo infatti l’ha sostenuta, insistendo che altri professionisti del settore collaborassero con lei.

Mike scrisse una lettera ad Anthony Minghella dicendo: “Mettila a Cold Mountain, garantirò per lei”. Poi Anthony mi ha passato a Tom Tykwer, che mi ha passato ai Wachowski.

Una spinta che ha aiutato enormemente l’attrice che successivamente ha recitato in questo film Ritorno a Montagna Fredda, Più vicini, tra adulti consenzientiO V per Vendetta. Nel 2011, ha ricevuto il riconoscimento più importante, l’Oscar come migliore attrice, per il suo ruolo in Cigno nero.

Natalie Portman sarebbe aperta a un ritorno in Star Wars

Ora che l’attrice ha fatto pace con il suo ruolo in Guerre stellari, non sarebbe riluttante a fare il suo ritorno nel franchise. Un ritorno che potrebbe rivelarsi complicato da allora

Spoiler

il suo personaggio muore alla fine di Star Wars: Episodio III: La vendetta dei Sith.

I tre film Guerre stellari occupare un posto speciale nella carriera dell’attrice, e Se qualcuno fosse venuto da lei con una buona idea, sarebbe stata disposta a tornare come Padmé ha dichiarato durante lo spettacolo Guarda cosa succede dal vivo con Andy Cohen. Dopotutto, anche Ewan McGregor ha indossato nuovamente il costume da Jedi per la serie Disney+ Obi-Wan Kenobiquindi perché non lei?

-

PREV Taylor Swift nel prossimo Deadpool? Il regista mette fine alle voci!
NEXT la nuova Pixar batte questo record storico