“Il secondo atto”, “Quando il male è in agguato”, “Il palazzo”…

“Il secondo atto”, “Quando il male è in agguato”, “Il palazzo”…
“Il secondo atto”, “Quando il male è in agguato”, “Il palazzo”…
-

Quali film vedere questa settimana (o no)? Ogni mercoledì trovi le nostre recensioni delle ultime uscite cinematografiche.

Louis Garrel e Vincent Lindon in “Il secondo atto”, di Quentin Dupieux.

Louis Garrel e Vincent Lindon in “Il secondo atto”, di Quentin Dupieux. Chi-Fou-Mi Productions/Arte France Cinéma

A cura del Servizio Cinema

Pubblicato il 14 maggio 2024 alle 17:34

Leggi nell’app

“Il secondo atto”, di Quentin Dupieux : Il nostro preferito

Genere: I giochi. Quattro attori famosi recitano in un film. Le cose non vanno proprio come previsto. Quentin Dupieux offre qui una satira feroce, feroce e tenera allo stesso tempo, sulla professione dell’attore, tra egoismo, tormenti e competizione. (Con Léa Seydoux, Louis Garrel, Vincent Lindon. 1h20.)

“Quando il male è in agguato”, di Demian Rugna

Genere: contaminazione del male. In Argentina, in una tranquilla campagna, accade il peggio quando un demone diffonde il Male. Un padre tenta quindi di salvare i suoi due figli e fugge. Avvincente, violento e provocatorio, questo film horror toglie la diabolicità dai cliché e impressiona. (Con Ezequiel Rodríguez, Silvina Sabater, Luis Ziembrowski. 1h39.)

“Il morso”, di Romain de Saint-Blanquat

Genere: notte magica. In un’ambientazione da fiaba gotica, il viaggio iniziatico di due liceali all’alba del maggio 68. Un’atmosfera poetica fantastica e seducente, buona musica: un successo. (Con Léonie Dahan-Lamort, Lilith Grasmug, Fred Blin. 1h27.)

“Il Palazzo”, di Roman Polanski

Genere: fase anale. Questa farsa sinistra riunisce i ricchi, i russi e coloro che li servono, in attesa del bug dell’anno 2000. Quando la cacca è così coinvolta in un film, è il suo inconscio a parlare? (Con Fanny Ardant, John Cleese, Oliver Masucci. 1h41.)

“I Fantastici Tre”, di Michaël Dichter

Genere: casting a 3 stelle. Nelle Ardenne, tre amici dodicenni cercano soldi per andare in un campo estivo. Il fratello maggiore di uno di loro esce di prigione e sconvolge i loro piani. Un film pieno di realismo sociale con attori fantastici. (Con Diego Murgia, Emmanuelle Bercot, Raphaël Quenard. 1h35.)

“Le tartarughe”, di David Lambert

Genere: crisi interna. Quando arriva il momento della pensione, un poliziotto si ritrova condannato a una vita sporca con l’uomo che per trentacinque anni è stato l’uomo della sua vita! Una commedia a volte ripetitiva ma spesso affascinante, guidata da due grandi attori nei ruoli di vecchi amanti. (Con Olivier Gourmet, Dave Johns. 1h23.)

“Rapture”, di Dominic Sangma

Genere: favola contemplativa. Nel nord dell’India, un villaggio diventa teatro di inquietanti sparizioni. Un’atmosfera quasi onirica e un’immagine critica della società si mescolano in questo film che, per la sua densità, manca di un po’ di vitalità, senza perdere il suo interesse. (Con Torikhu A. Sangma, Handam R. Marak, Celestine K. Sangma. 2h07.)

“Roqya”, di Saïd Belktibia

Genere: magia (nera) del cinema. Dopo aver creato una succosa app per guaritori, una madre viene accusata di avere il malocchio e braccata ovunque. Golshifteh Farahani è fantastico in questo thriller francese incentrato sul mercato delle pratiche occulte. (Con Golshifteh Farahani, Amine Zariouhi, Jeremy Ferrari. 1h37.)

“Regine”, di Yasmine Benkiran

Genere: fuga facile. A Casablanca, una madre rapisce la figlia dai servizi sociali e fugge in montagna, a bordo di un camion rubato guidato da una giovane donna. Questa scappatella femminile seduce giocando con i codici del cinema d’azione, ma segue uno scenario senza sorprese. (Con Nisrin Erradi, Nisrine Benchara, Rayhan Guaran. 1h23.)

“Le quattro anime del Coyote”, di Aron Gauder

Genere: animismo e politica. Mentre gli attivisti nativi americani si oppongono alla costruzione di un oleodotto, un vecchio racconta l’origine dell’universo. Un film d’animazione piacevole da seguire, nonostante la grafica a volte poco attraente e la violenza intrinseca nella trama. (Con Lorne Cardinal, Danny Kramer, Diontae Black. 1h43.)

Non visto dalla redazione

“Gli intrusi”, di Renny Harlin

Con Madelaine Petsch, Froy Gutierrez, Rachel Shenton. 1h31.

-

PREV Stasera su Amazon: è uno dei migliori film d’azione mai realizzati e molto probabilmente non l’hai mai visto! – Notizie sul cinema
NEXT Pixar Animation Studios licenzia il 14% del personale per concentrarsi sui film