Ridere con la disabilità: una commedia di Artus spopola al cinema: “Dimostra che si può convivere”

-

Una commedia con “qualcosa in più” diventa uno dei successi dell’anno: il primo film da regista di Artus, girato con una decina di attori con disabilità mentali, ha già quasi un milione di spettatori e vedrà la sua ampia uscita mercoledì nei cinema.

Figura popolare dell’umorismo e della televisione, Artus ha fatto un ingresso clamoroso al botteghino con “Una piccola cosa in più”: 929.814 spettatori avevano già visto il film domenica sera, secondo i dati rilevati da CBO Box-Office.

Il giorno della sua uscita, il 1 maggio, il film ha avuto addirittura il miglior inizio dell’anno, battendo blockbuster come “Dune, Parte II”, uscito a febbraio nel doppio delle sale, o “Kung Fu Panda 4”.

Trasmesso in 455 sale cinematografiche, con molte sale piene in provincia, “la sua uscita sarà ampliata nella seconda settimana per rispondere all’entusiasmo”ha indicato il distributore, che prevede di superare il milione di entrate martedì.

La ricetta di questa scatola? Una commedia molto accessibile e tenera, che mira a ridere “con” i disabili, e non a loro spese. Perché qui i due “normodotati”, interpretati da Clovis Cornillac e Artus, giocano a modo loro.

Padre e figlio sullo schermo interpretano due delinquenti da quattro soldi che decidono di rapinare una gioielleria. Mancando il vasino, il papà ha parcheggiato l’auto in un posto per disabili, davanti a un’abitazione, e gli è stata portata via. Per sfuggire alla polizia, hanno solo una possibilità: salire sull’autobus che porterà un gruppo di giovani con disabilità mentale in un campo estivo, sotto la supervisione della loro educatrice (Alice Belaïdi). Artus si atteggerà a pensionante, Clovis Cornillac a suo educatore specializzato.

Il film trae il suo “qualcosa in più” soprattutto da una decina di attori dilettanti con disabilità, che accanto agli attori professionisti interpretano i giovani del gruppo. Lo spirito di squadra funziona, ogni attore recita la sua parte: il romantico, il tifoso di Dalida, il calciatore, lo sfacciato…

Quando la disabilità mentale viene spesso caricaturata sullo schermo, “Una piccola cosa in più” si schiera dalla parte del lavoro con le persone disabili stesse.

“Convivere”

Il film è stata una scommessa per Artus, 36 anni, vero nome Victor-Artus Solaro, meglio conosciuto finora come figura dell’umorismo, che già interpretava personaggi disabili negli sketch e sul piccolo schermo.

Ha debuttato come attore nel ruolo dell’agente Jonas Maury in “The Legends Bureau” e da allora ha interpretato ruoli in commedie. Ha raccontato la sua difficoltà nel trovare produttori, che erano diffidenti all’idea di girare una commedia sulla disabilità e ancor di più con attori che avevano loro stessi una disabilità.

Il successo del film dimostra che Artus aveva ragione. E ricorda quello di “Huitième jour”, dramma con Daniel Auteuil e l’attore affetto da sindrome di Down Pascal Duquenne, che valse a entrambi una quota del premio come miglior attore a Cannes nel 1996. Oppure, in un genere completamente diverso, il successo di “Rencontres du Papotin”, su France 2, dove persone affette da disturbo dello spettro autistico interrogano personalità, tra cui il Presidente della Repubblica.

“Il successo del film è buono, dimostra che le persone possono vivere insieme”, esulta Sonia Ahehehinnou, vicepresidente di Unapei, la principale associazione a difesa delle persone con disabilità e dei loro cari. Sottolinea inoltre l’importanza del casting, in cui le persone con disabilità sono attori a pieno titolo, “che dimostrano la loro abilità nella professione”. “Spero che l’effetto non si limiti al successo del film”, aggiunge. E che nei cinema non sempre i posti riservati ai disabili sono i più svantaggiati.

Cinema cinematografico di Artus

-

PREV Il Conte di Montecristo con Pierre Niney: ecco lo spettacolare trailer del film francese più atteso dell’estate 2024! – Notizie sul cinema
NEXT Questo film francese presentato a Cannes ha suscitato polemiche fin dalla sua uscita, è disponibile su Netflix