Gala estivo musicale del Centro d’Arte Polifonica della Corsica

Gala estivo musicale del Centro d’Arte Polifonica della Corsica
Gala estivo musicale del Centro d’Arte Polifonica della Corsica
-

Mercoledì sera, presso il polo scolastico Georges Clémenceau, si è svolto un grande evento di collaborazione tra gli istituti scolastici dell’Estremo Sud e il Centro d’arte polifonica corsa (CAP) con sede a Sartène. È tempo di musica!

La corte di liceo Clemenceau ha Sartene è stato trasformato in un gigantesco palcoscenico per riprodurre il lavoro di tutti i laboratori della centro artistico polifonico (CAP) durante una serata ricca di suoni e colori.

In apertura di serata, in collaborazione con Cacel e CAP, è stato eseguito I Zitelli a Cantù, laboratori di canto per bambini tenuta per Sartè da Elisa Tramoni e i laboratori di canto condotti presso Porto Vecchio di Marie-Jeanne Lambert. A seguire sul palco gli studenti cantanti e musicisti del Clemenceau College, che con la loro esibizione hanno segnato l’apertura delle classi/voci organizzate per il prossimo anno scolastico.

Il grande coro del centro d’arte polifonico Mission Voix è composto da una cinquantina di cantanti dilettanti di Sartène che, durante tutto l’anno, hanno provato sotto la benevola bacchetta di Brice Lebert. Durante la serata di gala, l’ensemble ha potuto condurre il pubblico in una farandola di canzoni famose come Hallelujah di Leonard Cohen, Lascia entrare il sole o anche tango Habanera Youka.

Concerto di chiusura

Il concerto di chiusura è consistito nella restituzione dei laboratori di canto del centro di perfezionamento del canto musicale contemporaneo, corso di professionalizzazione Andaghjina di l’Artisti, sotto la direzione di Brice Lebert, professore e coordinatore del CAP. Sul palco si sono alternati Loïc Serra, Pascale Lanfranchi, Marion Pajanacci, Gabi, Alexandre Montisci, Virginie Geronimi, Claude Gabriel-Regis e Laura Nicolaï.

L’evoluzione di questi allievi mostra progressi smaglianti nel canto e fa pensare ad una classe 2024/2025 sempre più frizzante“, esclama Brice Lebert con passione.

Gli studenti della classe preparatoria delle scuole superiori di Sartène hanno partecipato all’evento decorando le facciate dell’istituto con affreschi colorati utilizzando la tecnica molto estetica del mapping.

Nel saluto finale, Brice Lebert non ha dimenticato di ringraziare il tecnico del suono Julien Muraccioli, la compagnia G-tech Sound-light, Julien Petit alla chitarra, Jean-Philippe Graziani al basso e Miché Dominici alla batteria. E, naturalmente, tutti gli studenti del CAP de Corse e il pubblico che sono accorsi in massa al liceo Clémenceau.

-

PREV “Beverly Hills Cop 4” su Netflix. Non esattamente un ritorno vincente per Eddie Murphy
NEXT Due artisti reinventano il mondo balneare di Concarne nella mostra Les Flottantes