Feria de Céret: le arene acquistate dal municipio per farne un luogo culturale vivo tutto l’anno

Feria de Céret: le arene acquistate dal municipio per farne un luogo culturale vivo tutto l’anno
Feria de Céret: le arene acquistate dal municipio per farne un luogo culturale vivo tutto l’anno
-

È un luogo emblematico per i cérétani, ma non solo… Le arene di Céret sono state acquistate dal comune alla fine di giugno, poco prima della Feria. Quest’anno avviene questo fine settimana dal 5 al 7 luglio. L’evento attira circa 50.000 persone ogni anno.

“Non è più vivo da molto tempo, tranne che per la corrida”

Un’operazione da 420mila euro con l’idea di riportare in vita le arene, fuori dalla Feria, organizzando spettacoli e concerti nel resto dell’anno. Attualmente vengono utilizzati solo tre giorni all’anno. “Io, sono felicedice Maguy, residente da molto tempo, So che il municipio si è recato per vedere altre città che avevano acquistato arene. Ho visto le foto di quello che hanno fatto, è fantastico! Possiamo coprirli, potremo goderceli tutto il tempo. Quando ero giovane, avevamo sempre cantanti: Claude François, Charles Aznavour, Dalida, Johnny Hallyday. Non è più vivo da molto tempo, tranne che per la corrida.”

Con i suoi 3.500 posti, c’è molto potenziale per Michel Coste, sindaco di Céret. “E’ uno strumento che manca alla Tech Valley, va utilizzato tutto l’anno, lui dice. Lì troveremo spettacoli di corrida, a Céret fa parte del DNA, ma anche il festival jazz, Jazz en Tech, che vuole trasferire parte dei suoi concerti nelle arene. Possono essere utilizzati anche per competizioni sportive. È uno strumento di sviluppo economico, artistico e culturale che manca al territorio di Vallespir.”

Prima di poter fare tutto ciò, le arene hanno bisogno di un restyling. Hanno 102 anni, la struttura si è spostata, i posti non sono più a norma e il Comune vuole poterli coprire anche per l’inverno. Tutto ciò rappresenta un grande investimento: tre-quattro milioni di euro di lavoro secondo il sindaco. Patrick Puigmal, eletto funzionario dell’opposizione, teme che il bilancio venga fatto esplodere. “Temo moltissimo che il sindaco si impegni in opere faraoniche. A Parentis (Landes) la situazione era la stessa e i lavori hanno superato i cinque milioni di euro. Continuo a ricordargli che tutto questo è denaro pubblico, dobbiamo vigilare.“Questo lavoro sarà distribuito su diversi anni.

-

PREV Gli editori francesi vogliono bloccare la gigantesca biblioteca pirata online
NEXT Omaggio a Ismail Kadaré | Cultura francese