Preoccupazioni profonde: “Come molte persone, siamo tutti perduti” – il grido del cuore del Soprano

Preoccupazioni profonde: “Come molte persone, siamo tutti perduti” – il grido del cuore del Soprano
Preoccupazioni profonde: “Come molte persone, siamo tutti perduti” – il grido del cuore del Soprano
-

Soprano non ha nascosto le sue preoccupazioni sull’attualità politica in Europa e in Francia. Nel suo ultimo album e in un’intervista a RTL, il rapper marsigliese era allarmato dai rischi di una crescita dell’estremismo.

Soprano non ha nascosto le sue preoccupazioni sull’attualità politica in Europa e in Francia.

Covermedia

I Soprano tornano con un nuovo album e un messaggio politico. L’artista, che pubblica questa settimana il suo ottavo album in studio, Freedom, ha confidato il 20 giugno a RTL le sue preoccupazioni sull’ascesa in Francia della RN, che continua a chiamare Fronte Nazionale per ricordare le origini del partito, dopo quest’ultimo è uscito vittorioso dalle ultime elezioni europee.

Dieci giorni prima del primo turno delle elezioni legislative, organizzate dopo lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale ordinato una settimana prima dal Presidente della Repubblica, la cantante 45enne riconosce che molte persone sono “perse” in questo clima politico diviso .

“Come molte persone, siamo tutti perduti”, dice. Per noi arrivare al punto che qualcuno che magari non ha idee di divisione cominci a votare partiti che sono in divisione, vuol dire che chi c’era prima non faceva il mestiere, siamo un po’ persi, i giovani non sono più interessato alla politica. Invece una delle libertà che ci restano oggi è il voto”.

Il padre si è detto particolarmente preoccupato per le generazioni più giovani che, più di altre, non hanno più voglia di svolgere il proprio dovere civico. “Molti giovani si dicono: “Ma perché vado a votare”? Non è cambiato nulla, ci assicura. Li senti parlare, sono disfattisti mentre noi, il nostro compito, la nostra generazione, è darli speranza, forza perché possano costruire qualcosa di più bello di quello che noi, forse, abbiamo costruito”.

Tuttavia, mentre canta il pezzo forte della sua nuova opera, Freedom, Soprano nota che il mondo è diventato “pazzo” e “triste” e spera di “ritrovare” la libertà. Tuttavia, di fronte all’ascesa dei partiti estremisti in Europa che “gli fa venire i brividi”, il cantante ha la sensazione di fare un passo indietro di diversi anni, quando già altre star dell’hip hop affrontavano la questione, come “IAM , o NTM, o Diams”. “Mi dico, dannazione, non abbiamo fatto alcun progresso qui”, si lamenta.

Covermedia

-

NEXT Novità da Kendji Girac: infortunio, indagini e ritorno in scena