Europa 1 viaggio(i) – Mauritius

Europa 1 viaggio(i) – Mauritius
Europa 1 viaggio(i) – Mauritius
-

Vanessa Zha
STAGIONE 2023 – 202411:45, 17 giugno 2024

Nel programma della puntata: un diario di viaggio alla scoperta dei luoghi imperdibili, dei luoghi insoliti e dei buoni consigli.
Dal mercato di Port-Louis al giardino botanico di Pamplemousse, dall’Isola dei Cervi alla terra dei 7 colori di Chamarel, da “Paul e Virginie” di Bernardin de St Pierre a “Chercheur d’or” di Jean-Marie Gustave Le Clezio… tour coinvolgente di Mauritius, questo pezzo di terra nell’Oceano Indiano che, secondo la leggenda, è l’ultima traccia rimasta di Atlantide!
Consigli pratici e tour immersivo illustrato dagli archivi Europe1… cambio di scenario assicurato!

Nonostante un nome dal suono bretone, il regista Gustave Kervern è nato a Mauritius e la sua famiglia è arrivata lì secoli fa! Ci racconterà il suo attaccamento a questa terra, ai suoi paesaggi, alla sua cultura.

E infine, visitate il Club Med La Plantation d’Albion, un angolo di paradiso incastonato tra insenature selvagge e vegetazione lussureggiante. Con Ariane Tournier, product manager di Destination Soleil e Dominique Ketterle, esperta sportiva di Club Med.

La prima stagione di Europe 1 Voyage(s) è in collaborazione con Club Med. Trova tutti gli episodi del podcast su tutte le piattaforme, nonché sull’app e sul sito Web Europe1.

Crediti:

Incarnazione e giornalista: Vanessa Zhâ

Produzione: Marc O. Grünfeld

Regia: Eliot Just

Registrazione sonora e ricerca musicale: Victor Naulleau

Coordinamento: Aurore Bossu

Direzione artistica visiva: Sidonie Mangin

Archivi Europa 1: Laetitia Casanova, Antoine Reclus e Sylvaine Denis

Edizione e distribuzione: Hugo Maze-dit-Mieuxement

Lettura di brani: “Paul e Virginie” di Bernardin de St Pierre, “Le Chercheur d’Or” e “Alma” di Jean-Marie Gustave Le Clezio.

-

PREV Il violoncellista Gautier Capuçon si ferma all’abbazia di Loc Dieu, nell’Aveyron
NEXT VIDEO. “Uno dei fotografi più ammirati del suo tempo”, 300 foto di Henri Cartier Bresson esposte a Landerneau fino a gennaio 2025