la storia di un grande successo, un dono del maestro dell’aldilà

la storia di un grande successo, un dono del maestro dell’aldilà
la storia di un grande successo, un dono del maestro dell’aldilà
-

Questo giovedì 30 maggio, il museo Soulages di Rodez nell’Aveyron celebrerà il suo decimo anniversario. Nato durante la vita dell’artista, è diventato un luogo di riferimento culturale, rinomato in tutto il mondo, per le opere che contiene e per la sua architettura. Ha già accolto quasi un milione e mezzo di visitatori.

In occasione del decimo anniversario del museo Soulages dell’Aveyron, ripercorriamo questa favolosa avventura, che ha portato la città di Rodez alla ribalta grazie al nativo del paese, Pierre Soulages, il maestro dell’aldilà.

20 ottobre 2010, una data storica per Rodez. Quel giorno, Pierre e Colette Soulages posarono la prima pietra del museo. Il pittore compie 90 anni ed è il coronamento di un progetto di lunga data, portato avanti da un solo uomo, Marc Censi. L’ex presidente della Regione riuscì a convincere l’artista a regalargli alcuni pezzi.

>>

Il museo Soulages di Rodez festeggia il suo decimo anniversario il 30 maggio 2024.

©FTV

“Si era impegnato a costruire un museo a Sète”ricorda Marc Censi, ex sindaco di Rodez. “E poi c’è stato un problema con il comune, che deve aver incontrato la mia stessa opposizione, ma ha ceduto. Un bel giorno ho saputo che la rottura con Sète era stata confermata e che di conseguenza la porta era chiusa. aperta per Rodez”.

Il museo è stato inaugurato il 30 maggio 2014. Ospita più di 500 opere di Pierre Soulages: oli su tela, ultrablack, malli di noce, incisioni in bronzo. I primi lavori, ma anche tutti i lavori preparatori per la chiesa abbaziale di Conques.

>
>

Il museo Soulages a Rodez.

©PASCAL PAVANI/AFP

“Contiene in realtà l’intera opera di Pierre Soulages, dal 1934 fino al dipinto realizzato il 15 maggio 2022”si rallegra Benoît Decron, direttore del museo Soulages. “Quindi non penso che al mondo esista un museo più rappresentativo di Pierre Soulages del museo di Rodez”.

A Nel corso degli anni tre nuove donazioni hanno arricchito le collezioni. Alla sua città natale, Pierre Soulages ha fatto un vero regalo, ha sottolineatoier dagli architetti catalani RCR Arquitectes, che lo realizzano oggi brillare in tutto il mondo. “Quando i quadri sono appesi, come sono qui, possiamo spostarci attorno ai quadri”ha affermato Pierre Soulages all’inaugurazione. “Possiamo vedere la luce, che appare e scompare, e i dipinti appaiono come sono nel momento della visione.”

>
>

Pierre Soulages aveva il dono di far emergere la luce meglio di chiunque altro in un’opera oscura.

© FTV – R.Avanissian

“Quando la luce naturale non è sufficiente, subentrano le luci artificiali”spiega Gilles Trégouët, di RCF Arquitectes. “Ma non interrompono mai l’interpretazione desiderata degli spazi e degli ambienti con la luce naturale.”

>
>

Parigi – cerimonia nel cortile quadrato del Louvre in omaggio a Pierre Soulages morto all’età di 102 anni – 2 novembre 2022.

© CHRISTIAN HARTMANN / PISCINA

Dimenticate le polemiche dei primi tempi. In 10 anni di esistenza, il museo ha ampiamente raggiunto i suoi obiettivi: accogliere quasi 1,5 milioni di visitatori. L’artista se n’è andato. Pierre Soulages si è spento all’età di 102 anni, nella notte tra il 25 e il 26 ottobre 2022, lasciando dietro di sé un’opera monumentale.

-

PREV Al festival Mégascene, una 33a edizione di successo nonostante il tempo imprevedibile
NEXT Clovis Cornillac ripensa al successo inaspettato di “A Little Something Extra”